Patrick Zaki resta in carcere, confermati 45 giorni di detenzione cautelare

Noury (Amnesty): "Governo agisca perché è anche una storia italiana"
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – E’ stata prolungata di altri 45 giorni la detenzione cautelare di Patrick Zaki, il ricercatore iscritto all’universita’ di Bologna arrestato al Cairo l’8 febbraio scorso con l’accusa di sedizione, e attualmente detenuto nel braccio di massima sicurezza del carcere di Tora, nella capitale. Lo confermano fonti interne all’Egyptian initiative for personal rights (Eipr), ong con cui lo studente e attivista dei diritti umani collaborava. All’agenzia Dire Riccardo Noury, portavoce di Amnesty International, ha commentato cosi’ la notizia: “Ieri l’udienza anticipata con Patrick Zaki presente era stata una sorpresa. Faceva sperare in un esito diverso. Invece dall’Egitto non arrivano mai buone notizie. Ma Patrick non restera’ solo, e incoraggiamo il governo italiano a fare la sua parte perche’ quella di Patrick- ha concluso il portavoce- e’ anche una storia italiana”.

LEGGI ANCHE: Zaki cittadino onorario Bologna, sì del Consiglio comunale

“No a Zaki martire”, Lega di traverso su Patrick cittadino onorario di Bologna

“Bye bye Zaki”: polemiche dopo il post del segretario della Lega di Modena

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

27 Luglio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»