In Campania è stato istituito per legge lo psicologo di base

La gioia del primo firmatario Graziano (Pd): "Siamo una delle prime Regioni in Italia a fare una cosa del genere"
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

NAPOLI –  Il consiglio regionale della Campania ha approvato all’unanimità la legge ‘Istituzione del servizio di Psicologia di base’ che ha come primo firmatario Stefano Graziano (Pd).

Con questa legge “si realizza un grande sogno – sottolinea Graziano – per un tema molto delicato. Siamo una delle prime Regioni in Italia a fare una cosa del genere“.

LEGGI ANCHE: VIDEO | Boldrini (Pd): “Lo psicologo di base accompagna nelle fasi difficili della vita”

Con un emendamento alla legge proposto dal Movimento 5 stelle è stata approvata dall’aula la proroga del garante dei disabili della Regione.

COZZUTO: “GIORNATA STORICA”

“E’ un giorno storico. Appena due anni fa la psicologia veniva riconosciuta come professione sanitaria a tutti gli effetti, con la pubblicazione dei nuovi Lea il diritto all’assistenza psicologica è diventata di fatto una norma dello Stato. Il servizio di Psicologia di base è fondamentale oltre che per la nostra professione soprattutto per i cittadini perché vuole garantire a tutti il benessere psicologico fornendo loro un primo livello di servizi di cura e di assistenza e fornendo anche informazioni utili ai livelli secondari di cura e ai pronto soccorso”. Lo ha detto Armando Cozzuto, presidente dell’Ordine degli Psicologi della Campania, dopo l’approvazione all’unanimità in consiglio regionale della legge ‘Istituzione del servizio di Psicologia di base’.

“Tutto ciò – aggiunge – sarà possibile andando a integrare e sostenere le azioni che già sono portate avanti sul territorio in altri contesti dai medici di medicina generale e dai pediatri di libera scelta”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

27 Luglio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»