Carabiniere ucciso, i 2 fermati non rispondono all’interrogatorio di convalida

Legale Finnegan: "E' psicologicamente provato". Entro 48 decisione gip
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA –Elder Finnegan Lee e Christian Gabriel Natale Hjort, i due americani accusati dell’omicidio del vicebrigadiere dei Carabinieri, Mario Cerciello Rega, avvenuto nella notte tra giovedì e sabato (oltre che di tentata estorsione) e attualmente in stato di fermo nel carcere di Regina Coeli, si sono avvalsi della facoltà di non rispondere durante l’interrogatorio di convalida della misura cautelare. Francesco Codini, legale di Finnegan, all’uscita dal carcere ha detto che il suo assistito “è psicologicamente provato”. Il gip del Tribunale di Roma, Chiara Gallo, avrà 48 ore di tempo per decidere se convalidare o meno il fermo.

LEGGI ANCHE

Carabiniere ucciso, la confessione dell’omicida americano: “Non pensavo fosse un militare”

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»