Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Carabiniere ucciso, la confessione dell’omicida americano: “Non pensavo fosse un militare”

Lee Elder Finnegan, 19 anni americano, è accusato di avere ucciso a coltellate il vicebrigadiere dei Carabinieri, Mario Cerciello Rega
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Non pensavo fosse un carabiniere, avevo paura di essere nuovamente ingannato”. Lee Elder Finnegan, il 19enne americano accusato di avere ucciso a coltellate il vicebrigadiere dei Carabinieri, Mario Cerciello Rega, nella notte tra giovedì e venerdì in via Piero Cossa, a Roma, lo ha confessato nel corso del lungo interrogatorio avvenuto ieri. Il cittadino americano è sottoposto a fermo di indiziato di delitto e attualmente si trova nel carcere di Regina Coeli, insieme al coetaneo Gabriel Christian Natyale Hjorth, per omicidio e tentata estorsione.

LEGGI ANCHE CARABINIERE UCCISO, LA DINAMICA DELL’AGGRESSIONE

Dalla ricostruzione dell’accaduto riportata nel decreto di fermo, emerge che il borsello rubato dai due americani allo spacciatore (evento che ha fatto scaturire un’escalation di violenze culminate nella morte del vicebrigadiere Cerciello), dopo essersi resi contro di essere stati truffati nell’acquisto di una dose di cocaina, è stato ritrovato in una fioriera esterna all’hotel dove i due fermati alloggiavano. Ad incastrare i due cittadini statunitensi ci sono sia le immagini delle telecamere, che li hanno ripresi quando si trovavano a piazza Mastai (nella zona dove è avvenuto il furto del borsello e prima che si consumasse il delitto) ma anche dopo, nell’hotel di Prati, successivamente alla morte di Mario Cerciello Rega, sia i tabulati e le celle telefoniche dei loro cellulari.

Carabiniere ucciso a Roma, l’americano fermato confessa: “Sono stato io”

CARABINIERE UCCISO, DOMANI DALLE 16 LA CAMERA ARDENTE

Si svolgerà a partire da domani pomeriggio la camera ardente del vicebrigadiere dei Carabinieri, Mario Cerciello Rega, ucciso da otto coltellate nella notte tra giovedì e venerdì a via Piero Cossa. Sarà aperta dalle 16 alle 20 e sarà allestita nella cappella di piazza Monte di Pietà, nei pressi della stazione dei carabinieri di piazza Farnese, dove il militare prestava servizio.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»