hamburger menu

Arriva in sala ‘Thor: Love and Thunder’. Hemsworth: “Dieci anni per realizzare la scena di nudo”

La nuova avventura, diretta da Taika Waititi, dal 6 luglio al cinema

thor_4
FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail

ROMA – La celebrazione dell’amore (più potente di qualsiasi super potere o ‘cattivo’ della storia), un ritratto della vulnerabilità dell’essere umano, che si aggrappa a un mito per essere completo e per affrontare le difficoltà. E ancora, scene d’azione, divertimento senza freni, colpi di scena e un nuovo personaggio (mostrato in una delle scene post-credit e di cui non è possibile rivelare il nome per non rovinare la sorpresa in sala). Tutto questo nell’attesissimo ‘Thor: Love and Thunder’ diretto da Taika Waititi, che torna alla regia di un film Marvel dopo ‘Thor: Ragnarok’ (2017).

Dal 6 luglio al cinema, in questa nuova avventura tra ‘tuoni e amore’ torna Chris Hemsworth nei panni del dio del Tuono. “Taika è riuscito a tirare fuori i tratti adolescenziali e immaturi del mio personaggio, che non abbiamo visto nei primi film”, ha raccontato l’attore, in occasione della conferenza stampa mondiale. “Lavorare sul set con Waititi è un’esperienza unica perché ci sono caos e follia sul set, e quindi si va sempre verso la scoperta del divertimento e della stravaganza ma anche di se stessi. La sua presenza – ha continuato – trasmette un entusiasmo contagioso, grande passione per queste storie e questi personaggi. Questo si vede nei suoi film”.

Thor si mette per la prima volta a nudo, in tutti i sensi. In una scena, infatti, si mostra completamente senza veli. “Ci sono voluti dieci anni per realizzare questa scena, era un mio sogno. La prima volta che ho interpretato Thor mi sono tolto la maglietta e ho pensato ‘forse tra dieci anni si toglierà tutto”, ha detto l’attore.

Nel sesto film della Fase Quattro del Marvel Cinematic Universe, il dio del Tuono è alla ricerca di una pace interiore, che viene interrotta da un nuovo villain: Gorr il macellatore di dei, la cui missione è quella di sterminare tutte le divinità dopo essere rimasto deluso dal suo dio. Nei suoi panni un irriconoscibile Christian Bale, che interpreta per la prima volta un cattivo della Marvel. “Per Gorr cercavano un attore che fosse l’opposto di Chris, e quindi una persona poco simpatica, un po’ solitaria e un po’ inquietante e penso che Kevin Feige (presidente dei Marvel Studios, ndr) abbia pensato subito a me”, ha raccontato Bale. “Secondo me è più semplice interpretare un cattivo rispetto a un eroe. Interpretare un supereroe buono è più difficile. Tutti – ha proseguito – siamo affascinati dai cattivi. La bellezza di Gorr, grazie al lavoro di Taika, sta nel fatto che sia semplice capire le motivazioni per cui agisce in quel modo e per cui sia diventato un ‘macellaio’. Gorr è al tempo stesso esilarante e commovente”.

thor_4_1


Per diventare uno dei villain più inquietanti e interessanti della Marvel ci sono volute tante ore di trucco: “Con un personaggio del genere – ha raccontato Bale – non puoi sapere esattamente a cosa andrai incontro fino a quando non ti ci confronti dal punto di vista fisico. Gorr mi ha davvero stupito”. L’incontro mondiale con la stampa si è tenuto nel giorno in cui la Corte Suprema degli Stati Uniti ha abolito il diritto di aborto, delegando agli Stati la sua applicazione. “Qui si parla di supereroi e a proposito di quello che fatto oggi la Corte Suprema, noi abbiamo un super potere: quello di andare a votare“, ha aggiunto Bale, da sempre impegnato per i diritti civili.

Thor non è da solo in questa missione contro Gorr. Insieme a lui ci sono i Guardiani della Galassia, capitanati da Star-Lord (Chris Pratt), la Regina Valkyria (Tessa Thompson), Korg (Waititi) e il debutto della Potente Thor, interpretata da Natalie Portman. L’attrice è apparsa in ‘Thor’ e in ‘Thor: The Dark World’ nei panni di Jane Foster, la fidanzata storica del dio del Tuono. In ‘Love and Thunder’ Jane diventa Thor al femminile dopo che inspiegabilmente brandisce il martello magico, il Mjolnir, del personaggio di Hemsworth che qui ha una nuova arma: lo Stormbreaker.

thor_4_1

“È stata un’esperienza surreale. Interpretare Mighty Thor è stata una grande sfida che ho superato anche grazie all’esperienza di Chris e Tessa”, ha detto Portman. Il cinecomic è accompagnato da molte canzoni dei Guns N’ Roses, come ‘Sweet Child O’ Mine’ o ‘Welcome to the Jungle’. “Ho scelto questi pezzi perché volevo far spendere tanti soldi per le musiche del film”, ha detto Waititi scherzando. “Io credo che sia proprio la musica che si addice a questa storia. Mi ricorda quando da ragazzo passavo ore a fare schizzi del logo dei Metallica sul banco. Poter mettere tutto quello che mi piace da sempre al servizio di questa folle avventura che raccontiamo è stato come avverare un sogno”.

La pellicola è prodotta da Kevin Feige e Brad Winderbaum. Nel cast anche Russell Crowe nei panni di Zeus, e Matt Damon. “I fumetti contengono molte storie ed è da lì che provengono le nostre. L’evoluzione e la maturazione del Marvel Cinematic Universe si intrecciano con i personaggi e con i loro interpreti e grazie a quest’ultimi le storie crescono, evolvono e cambiano. Credo che ci siano ancora molte cose da portare in scena”, ha detto Kevin Feige, presidente dei Marvel Studios.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

2022-06-27T19:28:27+02:00