VIDEO | Roma, Via Alessandria ostaggio del cantiere ‘fantasma’. L’appello dei negozianti: “Aiutateci”

Dopo la riapertura della metro Repubblica che ha riconsegnato ai commercianti la regolare viabilità di via Nazionale, in zona Porta Pia l'aria che si respira è completamente diversa
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – ‘I commercianti non voglio sparire per una buca‘, ‘Piscina estiva gratis, offre il Comune!‘, ‘Ridateci la strada‘. Questi i cartelli che a Roma adornano le transenne del cantiere di via Alessandria, fermo e abbandonato da settimane per la preoccupazione generale dei negozianti.

Dopo la riapertura della metro Repubblica che ha riconsegnato ai commercianti la regolare viabilità di via Nazionale, in zona Porta Pia l’aria che si respira è completamente diversa. Qui il 10 maggio scorso nel tardo pomeriggio si è aperta una voragine nel manto stradale. L’asfalto è sprofondato all’improvviso, senza causare danni a cose o persone ma obbligando la Polizia locale a chiudere la strada al traffico isolando tutta la zona tra piazza Alessandria a via Reggio Emilia. Alla base della voragine ci sarebbe un perdita all’impianto fognario.

“Sono intervenuti subito- racconta uno dei commercianti della zona- Sono partiti i lavori, poi però si sono fermati perchè sono usciti fuori dei tubi del gas, e da quel momento è tutto abbandonato”. A spiegare meglio cosa sta accadendo è un cartello affisso all’interno di un bar: “Il Municipio Roma II informa i cittadini del quadrante di Porta Pia che l’intervento di ripristino del sistema fognario nel tratto di via Alessandria e via Raggio Emilia – a cura di Acea – è momentaneamente sospeso in attesa che la società Italgas sposti le tubature di propria competenza in modo da agevolare i lavori. L’iter tra Acea e Italgas è in fase di perfezionamento. Non appena Italgas interverrà, i lavori Acea riprenderanno e avranno la durata di 3 settimane circa”.

Il “perfezionamento”, però, va avanti da settimane e per i commercianti il problema è molto serio: “Registriamo cali del fatturato fino al 30%”, racconta il titolare di una merceria. “Non solo non fanno niente, ma nemmeno ci dicono nulla”, gli fa ecco il titolare di una pizzeria. “Eravamo fiduciosi ad inizio lavori- chiosa un parrucchiere- ma ora verrà mai qualcuno?“.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

27 Giugno 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»