fbpx

Tg Politico, edizione del 27 giugno 2019

DL CRESCITA E’ LEGGE, CONTE: IL PAESE FA SISTEMA

E’ legge il decreto crescita, approvato dal Senato con 158 voti a favore, 3 voti sotto la soglia della maggioranza assoluta. 104 i voti contrari e 15 gli astenuti. “Il Paese fa sistema e rilancia l’economia”, e’ il commento del premier Giuseppe Conte. Dure le opposizioni. Per Nicola Zingaretti si tratta del “decreto anticrescita”, solo pasticci e propaganda. Matteo Renzi parla di cialtronaggine del governo che invece dell’intelligenza artificiale insegue la stupidita’ naturale. Esultano invece i senatori del Movimento 5 stelle per le misure di sostegno alla produttivita’.

EX ILVA E JABIL, IL LAVORO CHE SOFFRE

Sono tanti i posti di lavoro a rischio, soprattutto al Sud. In primo piano ci sono i 20 mila lavoratori ex Ilva. ArcelorMittal ha annunciato che se il governo non troverà una soluzione per la protezione legale dell’attuale gestione, lo stabilimento di Taranto chiuderà il 6 settembre. Il leader della Fim, Marco Bentivogli avverte che cambiare le regole a scopo elettorale, come sta facendo Di Maio, mette a rischio i posti di lavoro e il risanamento ambientale”. Intanto oggi a scendere in piazza sono i lavoratori della Jabil di Marcianise dopo l’annuncio di 350 licenziamenti. I lavoratori campani avvertono: bisogna evitare anche un solo licenziamento.

QUASI RISSA TRA NO VAX E M5S ALLA CAMERA

Rissa sfiorata alla Camera tra pro scienza e sostenitori della liberta’ vaccinale. Da una parte Sara Cunial, deputata espulsa dai Cinque stelle per le sue posizioni critiche sui vaccini; dall’altra Marco Bella, deputato grillino e professore associato di chimica. Il contendere è uno studio secondo cui nel Priorix Tetra, un vaccino combinato contro morbillo, rosolia, parotite e varicella, sarebbero contenute tracce di viagra. “Raccontate frottole”, accusa Bella. “Il ministero ci faccia vedere i suoi studi”, ribattono loro.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Guarda anche:

27 Giugno 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»