Dramma migranti in Messico, Renzi: “Quando abbiamo smesso di essere umani?”

Su Facebook la riflessione di Matteo Renzi dopo la tragedia del padre e della sua bimba di 2 anni annegati nel Rio Grande in Messico mentre tentavano la traversata
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – “È ora di andare a letto. Ho finito di pensare al discorso di domani in Senato, sono provato dal fuso orario e non dormo nello stesso letto da dieci giorni. Ho sonno. Eppure non riesco a dormire. Perché l’immagine di quel babbo, di quel bimbo fa accapponare la pelle. È una immagine che viene dall’America, non da Lampedusa o da qualche isola greca, ma alla fine poco importa. Mi domando e vi domando. Quando è che abbiamo perso la nostra capacità di sconvolgerci? Come non renderci conto che noi italiani siamo un popolo di migranti dall’antica Roma alla storia del Novecento? E come non capire che se un padre rischia (e perde) la vita con suo figlio è perché non ha alternative. Non tutti siamo padri, ma tutti siamo figli”. Lo scrive su facebook Matteo Renzi.

Migranti, in Messico la piccola Valeria muore abbracciata al padre a neanche 2 anni

“E quell’immagine ci spezza il cuore- aggiunge-. Quando, di preciso, abbiamo smesso di essere umani e abbiamo iniziato a dire ‘La pacchia è finita’ a chi fugge dalla fame o dalla guerra? Fermiamoci prima che sia troppo tardi. Torniamo a essere orgogliosi custodi dei valori italiani. L’odio che stanno spargendo sul tema dell’immigrazione è un dramma sociale che produrrà effetti a lungo termine. Almeno noi, guardando quell’immagine, recuperiamo il senso di umanità e di pietà”.

Perché ho deciso di pubblicare questa foto – il commento del direttore

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

27 Giugno 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»