VIDEO | “Al fianco del coraggio”, da Roche un premio a chi racconta l’emofilia

Le 21 storie di quotidianità e speranza sono state raccolte in un libro a fumetti. Il racconto vincitore tra i tre finalisti diventerà uno spot che girerà nelle sale cinematografiche
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – È il racconto ‘Guardami! Sto volando!‘ di Alessandro Marchello il vincitore della terza edizione del premio letterario ‘Al fianco del coraggio’, il progetto promosso da Roche per raccogliere gli elaborati di persone comuni che raccontano la loro esperienza vissuta accanto a un amico, un fratello, una sorella o un familiare, emofiliaco. L’idea è di dare così voce a bisogni e i desideri dei malati, e allo stesso tempo raccontare le difficoltà e i sentimenti di chi si trova al loro fianco.

Il racconto vincitore sarà tradotto in uno spot prodotto da Medusa che andrà poi in onda nelle sale cinematografiche. A scegliere il primo classificato, una giuria popolare e una giuria di tecnici. Quest’anno il premio ha voluto raccogliere le storie dei più giovani, coinvolgendoli con la realizzazione di un fumetto, un mezzo espressivo a loro particolarmente congeniale. È nato così il volume “Al fianco del coraggio – Il Fumetto“, che raccoglie tutte le storie delle persone che hanno aderito al concorso, reinterpretate da fumettisti affermati a livello nazionale e internazionale.

Ventuno storie di emozioni particolari– ha dichiarato alla Dire Maurizio Di Cicco, presidente di Roche Italia- anche perché sono storie di bambini e quando si parla di bambini e di sofferenza si parla al cuore. Devo dire che quest’anno le emozioni ci hanno pervaso e per questo abbiamo deciso di raccogliere tutte e 21 le storie per trasformarle in un fumetto in cui si parla di speranza, di quotidianità e di tante mamme e papà eccezionali. Questo si sposa perfettamente con la nostra missione che è quella di fare ricerca e soprattutto di dare nuove speranza a tutti”.

 

Presidente della giuria Gianni Letta, che insieme al presidente di Roche Italia ha voluto ricordare la storia del Palazzo Venezia, dove si è svolta la cerimonia. La serata ha visto gli interventi di Gianni Rivera, che ha consegnato le maglie della nazionale personalizzate ai ragazzi presenti e la partecipazione degli attori Fabio De Luigi e Valentina Lodovini.

I racconti finalisti erano tre. Uno racconta la storia della vacanza estiva in Romagna di un gruppo di bambini emofiliaci che per la prima volta partono da soli lasciando la loro famiglia. Sono Mattia, Giovanni, Lorenzo, Samuele, Pietro, Nicola e il loro coraggio. Ci sono poi le parole di un papà con un figlio emofiliaco, che racconta la scoperta della malattia e di come ha imparato a conviverci lottando per la felicità e la serenità della sua famiglia. E, infine, il racconto di un marito innamorato, che ogni giorno lotta al fianco di sua moglie.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

27 Giugno 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»