Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

In Italia esplode la Bulldog-mania: dieci utili consigli per proteggere i cani dal caldo

Dal 2010 al 2014 sono più che triplicati
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – In Italia è esplosa la ‘Bulldog-mania’. A parlare sono i numeri: i bulldog francesi censiti in Italia da Enci – Ente Nazionale Cinofilia Italiana nel 2017 sono 2.386. Nel 2014 erano 1.499 e rispetto al 2010 sono più che triplicati. Questo è il segnale di come tale razza abbia conquistato il cuore di tutti: adulti, bambini, single, famiglie, gente comune e vip. Basti pensare alle star di casa nostra e d’oltre oceano da Chiara Ferragni a Lorenzo Pellegrini, da Brad Pitt a Heidi Klum.

Parente del “cugino” della Gran Bretagna, degli Alans del Medio Evo e dei mastini, il bulldog francese è stato protagonista, dal 15 al 17 giugno scorsi, dell’ENCI Winner 2018, la più importante expo canina dell’anno che si è tenuta a Fiera di Milano Rho. Qui, tra oltre 400 razze, il bulldog francese si è fatto notare classificandosi 3° nella categoria Juniores dell’ENCI Winner e 2° nella categoria Juniores del Milan International Dog Show, evento che si è svolto durante la manifestazione.

Ad affascinare tutti è la sua corporatura robusta e un po’ buffa, il risultato di diversi incroci ai quali si sono dedicati gli allevatori parigini negli anni ’80 dell’800 quando il bulldog francese, da cane di scaricatori, macellai e cocchieri dei mercati generali, conquista l’alta società e gli artisti. Nel 1880 nasce a Parigi il primo Club di razza e nel 1887 il bulldog francese concorre alla prima esposizione canina.

Oggi il Bulldog Francese è popolarissimo anche sui social, con foto e video impazzano sul web, e recentemente anche un noto marchio di climatizzatori ha scelto un cagnolino di questa razza per uno suo spot che sta spopolando in rete. Il Bulldog Francese ha però un acerrimo nemico: il caldo. Ecco quindi dieci utili consigli per combatterlo.




Ti potrebbe interessare:

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»