NEWS:

VIDEO | Chico Forti, Travaglio: “Le Iene meglio della Cassazione. Se dicono che uno è innocente, è sicuramente colpevole”

Il direttore del Fatto nel programma 'Accordi e disaccordi' di Luca Sommi in onda sul Nove che (ironico) dice: "Devo confessarlo, non sta bene chiamare assassini gli assassini"

Pubblicato:27-05-2024 19:22
Ultimo aggiornamento:27-05-2024 19:22

travaglio_chico forti
FacebookLinkedInXEmailWhatsApp

ROMA – All’arrivo di Chico Forti in Italia ‘Il Fatto Quotidiano’ titolò in prima pagina “Bentornato assassino”. E se il direttore Marco Travaglio voleva colpire nel segno c’è riuscito benissimo. Le polemiche dai social si sono spostate nei programmi televisivi che hanno ‘incolpato’ Travaglio di aver usato due pesi e due misure sulla vicenda: la notizia dell’annuncio dell’allora ministro degli Esteri, Luigi Di Maio, che annunciava l’estradizione di Forti nel 2020 ebbe solo un trafiletto a pagina 14 del quotidiano e non un titolo in prima pagina così forte. A rispondere è lo stesso direttore del Fatto nel programma ‘Accordi e disaccordi‘ di Luca Sommi in onda sul Nove che (ironico) dice: “Devo confessarlo, non sta bene chiamare assassini gli assassini: la Meloni ha fatto benissimo ad accoglierlo, ci volevano anche la fanfara e le frecce tricolori. Sono pentito del brutto titolaccio che abbiamo fatto”.

LEGGI ANCHE: Le Iene, sparito il servizio su Chico Forti e Travaglio: “Siamo stati diffidati”

L’INTERVENTO DI MARCO TRAVAGLIO

“Ciascuno naturalmente è libero di dubitare della sua colpevolezza, come tutti i processi indiziari, ma per la giustizia americana Chico Forti è un assassino e ha pure la sfortuna di avere in Italia un ‘Chico Forti fan club’ formato dallo Zoo di 105 e da Le Iene, che nei casi di omicidio sono meglio della Cassazione: quando dicono che uno è innocente è una prova in più che è colpevole. Il 23 dicembre 2020 il ministro degli Esteri Di Maio annuncia un accordo con gli americani per estradare Chico Forti e fargli scontare il resto della pena in Italia. Il Fatto Quotidiano non solo non mette la notizia in prima pagina, ma è il giornale che gli dedica meno spazio: un minuscolo trafiletto a pagina 14. È anonimo perché è tratto dalle agenzie di stampa, riporta le parole di Di Maio e una breve sintesi della vicenda. Poi viene ripreso da tutti i nostri social naturalmente, in mezzo a decine di altre notizie brevi della giornata e morta lì. Poi cade Trump, arriva Biden, l’estradizione di Forti si inceppa, i governi Draghi e Meloni riprendono la trattativa e Forti arriva finalmente in Italia come premio di fedeltà alla Meloni: gli americani glielo riconsegnano in tempo per le elezioni europee. Ma, per tornare Italia, Forti ha dovuto fare ciò che aveva sempre rifiutato di fare prima, e cioè accettare la sentenza di condanna. E la Corte d’Appello di Trento ha dovuto riconoscere la sentenza americana, cosa che ha fatto il 17 aprile su richiesta degli stessi avvocati di Forti. Da quel momento Forti è un assassino non solo per la giustizia americana, ma anche per quella italiana”.


“La Meloni fa due cose che non si sono mai viste- dice Travaglio- non solo in Italia ma proprio in uno stato di diritto. Primo, manda a prendere Forti con un Falcon 2000 dell’aeronautica Militare, quelli usati per le grandi autorità e la trasvolata dell’omicida la paghiamo noi. Uno scherzetto da 134 mila euro. Secondo, la presidente del Consiglio accoglie Forti all’aeroporto come un Papa, un capo di Stato, un eroe nazionale. Foto, sorrisi, interviste esclusive al Tg1 e al Tg5, in cui Forti fa uno spot elettorale alla Meloni e in cui dice di essere innocente, anche se ha appena riconosciuto la sua sentenza di condanna”.

Quella della Meloni è una “figuraccia mondiale. Tutti i giornali fanno finta di non accorgersene, tranne uno, Il Fatto Quotidiano, che titola in prima pagina “Benvenuto assassino“. Apriti cielo, come ci permettiamo di chiamare assassino un assassino. Gli scudi umani meloniani e lo ‘Zoo’ di Chico Forti scatenano tutte le loro truppe suo social, in televisione, sui giornali- prosegue Travaglio- Mediaset lincia Il Fatto in difesa della Meloni e fanno tutti affannose ricerche su Google, perché dicono ‘vuoi vedere che quei grillino di Travaglio aveva beatificato Di Maio, e quindi Forti, e adesso è diventato colpevolista solo perché c’è la Meloni?’. Purtroppo, restano delusi perché io non ho mai scritto una riga sul caso di Chico Forti, non me ne è mai fregato niente, non sono stato mai né colpevolista né innocentista, perché la sentenza l’hanno già fatta le corti della Florida e adesso dell’Italia, fine della storia. Che Forti sconti la pena in America o in Italia non cambia niente, sempre che in Italia lo sconti l’ergastolo, perché in Italia l’ergastolo è finto e tra un paio d’anni Forti sarà libero e bello. Ma siccome non trovano niente su di me, inventano: prendono quel trafiletto a pagina 14 sull’annuncio di Di Maio, lo trasformano in un mio editoriale, per giunta innocentista, non sanno neanche leggere, perché in quel trafiletto non c’è nessun commento. C’è solo la notizia dell’annuncio di Di Maio e una breve sintesi del caso Forti e non riescono nemmeno a distinguere tra un ministro che annuncia l’estradizione di un condannato e una premier che va ad accogliere l’assassino con tutti gli onori”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it