Destra e sinistra litigano e così alla fine Draghi si rafforza

draghi imagoeconomica
L'editoriale di Nico Perrone per Dire Oggi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Il Governo Draghi va spedito per la sua strada e le forze politiche che lo sostengono cercano di posizionarsi al meglio per non farsi schiacciare. Destra e sinistra litigano e cercheranno sempre più argomenti per differenziarsi. Da una parte ci saranno ‘scintille’ ma alla fine tra i due litiganti Draghi è quello che vincerà. Sullo sfondo ci sono le elezioni amministrative a ottobre e l’elezione del nuovo Presidente della Repubblica a febbraio. Nel mezzo, la partita delle 500 nomine pubbliche, con Draghi che decide da solo, e su chi gestirà le risorse che arriveranno dall’Europa. Ci saranno sussurri e grida in Parlamento. Nelle ultime ore è il gruppo di Forza Italia di Silvio Berlusconi che è stato travolto da un vero e proprio terremoto. Molti parlamentari, infatti, hanno deciso di uscire e di aderire alla nuova formazione politica messa in campo dal sindaco di Venezia Luigi Brugnaro e da Giovanni Toti, presidente della Regione Liguria. Un gruppo che avanzerà le sue richieste quando bisognerà decidere e votare.

Sul versante del centrosinistra, intanto, c’è tensione tra Palazzo Chigi e Pd, soprattutto dopo le prese di posizione del segretario Letta sulla tassa di successione a favore dei giovani e del ministro Orlando contro il via libera ai licenziamenti che vuole Confindustria. Oggi Letta è stato ricevuto dal premier Draghi e il segretario Dem alla fine ha subito chiarito: “Lungo e proficuo colloquio a Chigi con Draghi. Sintonia piena e determinazione ad accelerare le riforme su giustizia, fisco, lavoro e semplificazioni che sono alla base del patto con l’UE, riforme per le quali porteremo le nostre idee e troveremo le migliori sintesi. Avanti”, ha detto. Sempre Letta ha spiegato che il Pd è “parte fondamentale del governo, lo abbiamo fortemente voluto e questo governo è fondamentale per fa sì che ottenga i miliardi del Recovery e soprattutto che riesca a spenderli, che e’ il grosso guaio italiano, riuscire a spendere e spendere bene i soldi. Noi sosteniamo questo governo e ci siamo per portare in porto le riforme”. Per quanto riguarda la tassa di successione rimane in campo: “Sono convinto che i ricchi italiani siano disposti ad aiutare un giovane 18enne che nasce in un posto sfortunato e non ha i genitori che possano mantenerlo agli studi”. Si vedrà. In questo momento è in corso il confronto tra Governo e Sindacati sul decreto semplificazioni che domani il Consiglio dei ministri dovrà approvare. Un provvedimento che ha visto i sindacati fortemente contrari soprattutto nella parte che riguarda procedure più veloci e quindi meno controlli su appalti, sub appalti e logica del massimo ribasso, che per i sindacati crea precariato e apre alla criminalità. I sindacati hanno minacciato lo sciopero e si sta cercando di trovare un punto di mediazione. Dovrebbe saltare proprio il massimo ribasso, e su questo Matteo Salvini ha subito messo il cappello del Carroccio: “Come Lega esprimiamo grande soddisfazione, non si parlerà più di appalti al massimo ribasso per le opere pubbliche, che non tutelano l’interesse collettivo e nemmeno quello delle imprese sane. Semplificare e velocizzare è fondamentale per la ripartenza del Paese, garantendo sicurezza ai lavoratori, certezza alle imprese e qualità delle opere”, ha detto.
Altra novità della giornata riguarda il M5S, la possibilità del loro ingresso al Parlamento europeo nel gruppo dei Socialisti e democratici, lo stesso del Pd: “Si sta lavorando per creare le condizioni affinchè questo accordo possa svilupparsi, un accordo che ha bisogno dei suoi tempi. Non può esserci una fusione a freddo ma una gestione di temi condivisi come stiamo facendo in Italia”, ha sottolineato il ministro delle Politiche agricole, Stefano Patuanelli. E qui, facile previsione, nelle prossime ore si aprirà un altro fronte polemico.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»