Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Marche, nella fascia 40-49 anni solo 60.000 prenotazioni per il vaccino su 200.000 attese

vaccino
La dirigente del servizio Salute della Regione, Lucia Di Furia, lancia un appello: "Non pensino che, essendo giovani, non corrono rischi perché comunque non vaccinarsi significa far replicare il virus"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ANCONA – Nella fascia d’età 40-49 nelle Marche si sono prenotati circa 60.000 cittadini. Un dato al di sotto di quello che si aspettava la Regione che aveva stimato circa 200.000 prenotazioni per la somministrazione del vaccino. “E la stessa cosa è successa tra i 50-59 anni -spiega la dirigente del servizio Salute della Regione, Lucia Di Furia-. Ribadiamo ai cittadini che è importante vaccinarsi. Si prenotino e non pensino che, essendo giovani, non corrono rischi perché comunque non vaccinarsi significa far replicare il virus, dare luogo ad ulteriori varianti e mettere di nuovo a rischio tutta la popolazione. Ciascuno di noi deve fare la propria parte”.

Un appello fatto suo anche dallo stesso assessore regionale alla Sanità, Filippo Saltamartini. “Abbiamo un calo di prenotazioni nella fascia 40-49 anni- spiega Saltamartini-. Non si spiega perché il volume delle prenotazioni sia così basso rispetto ai numeri che ci eravamo prefigurati. Va anche detto che molti si sono vaccinati come famigliari di persone disabili oppure personale delle Forze dell’ordine e della scuola. Abbiamo interesse che gli slot delle persone che possono vaccinarsi siano riempiti. Abbiamo ricevuto moltissimi vuoti”.

SALTAMARTINI: “ENTRO FINE GIUGNO ARRIVEREMO A UN MILIONE DI PRIME DOSI”

Alla fine di giugno arriveremo a un milione di vaccinazioni di prime dosi”. A dirlo, a margine di una conferenza stampa che si è tenuta a palazzo Raffaello ad Ancona, è l’assessore regionale alla Sanità Filippo Saltamartini. “È stato preannunciato dal Governo un approvvigionamento per 500mila dosi nel mese di giugno- puntualizza Saltamartini- ma concretamente quando arriveranno questi vaccini ancora non è stato delineato nello specifico ma in ogni caso noi siamo pronti. Il sistema è pronto a portare la nostra regione verso l’immunizzazione di massa“.

Ad oggi nelle Marche su 858.100 dosi consegnate ne sono state somministrate 842.557 (98,18%): 559.308 prime dosi e 283.249 richiami. “Lo schema che dovremo seguire e quello di far sì che il sistema pubblico, quello degli hub e dei palazzetti dello sport, sia sostituito gradualmente dai medici di medicina generale, dalle vaccinazioni in farmacia e nelle aziende- conclude Saltamartini-. L’estensione della vaccinazione a tutti potrà partire verso la metà di giugno”.

LEGGI ANCHE: Marche, Acquaroli incontra i vertici di Elica: “C’è apertura al dialogo”

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»