Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Mali, presidente e premier si dimettono e la giunta militare li rilascia

Bah N'Daw e Moctar Ouane erano stati fermati dalla giunta che ha preso il potere domenica scorsa. Il colonnello Assami Goita si autoproclama presidente. Secondo alcune fonti, i due sono stati forzati a rinunciare all'incarico per poter essere liberati
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – La giunta militare che in Mali ha preso il potere domenica scorsa ha annunciato il rilascio del presidente e del primo ministro del governo ad interim, Bah N’Daw e Moctar Ouane. La stampa internazionale ieri riferiva che i due vertici del governo di transizione sarebbero stati forzati a siglare dei documenti in cui comunicavano le loro dimissioni dall’incarico di governo.

LEGGI ANCHE: Mali, arrestati il presidente e il primo ministro. L’Ue: “Vengano rilasciati subito”

IL COLONNELLO GOITA SI AUTOPROCLAMA PRESIDENTE

Il colonnello Assimi Goïta si è autoproclamato presidente del Mali. L’annuncio è giunto nella mattinata, a poche ore dal rilascio del capo di Stato ad interim Bah N’Daw e del suo primo ministro Moctar Ouane, arrestati domenica dall’esercito. Il golpe guidato da Goita è il secondo da agosto e ha suscitato la condanna dell’Organizzazione economica degli Stati dell’Africa occidentale (Ecowas/Cedeao) e dell’Unione africana (Ua), così come dell’Unione europea. Insieme agli Stati Uniti, le organizzazioni hanno minacciato sanzioni economiche contro i responsabili per aver ostacolato il cammino verso la democrazia dell’esecutivo di transizione.

GLI STATI UNITI SOSPENDONO GLI AIUTI PER LA SICUREZZA

La decisione della giunta guidata dal colonnello Assimi Goïta è stata infatti seguita dalla forte presa di posizione degli Stati Uniti. Washington ha infatti deciso di sospendere la cooperazione finanziaria in ambito di sicurezza con il Paese del Sahel: “Stiamo interrompendo tutta l’assistenza alla sicurezza prevista per le forze di sicurezza e difesa del Mali”, si legge in una nota del Dipartimento di Stato americano, in cui è stata paventata anche la possibilità di intraprendere “sanzioni mirate contro i leader politici e militari che stanno ostacolando la transizione verso un governo democratico guidata dai civili”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»