Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Comunali, De Luca: “In un Paese di dementi e idioti nessuno più disposto a candidarsi”

de luca
Accade perché è stato costruito un sistema di responsabilità che rende impossibile mettere una firma senza rovinarsi la vita
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

NAPOLI – “Oggi non troviamo più nessuno che sia disposto a candidarsi come sindaco per non rovinarsi la vita e farsi massacrare dai media”. Lo ha detto il presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca, oggi a Bacoli (Napoli) per presentare una guida sui Campi flegrei.
“Siamo in un Paese di dementi – ha aggiunto – e, per colpa di questo, nessuno si assume la responsabilità di mettere una firma su una transizione. Accade perché è stato costruito un sistema di responsabilità che rende impossibile mettere una firma senza rovinarsi la vita. Tanti dirigenti sono terrorizzati per l’esistenza della figura di reato dell’abuso in atto d’ufficio che è tra le cose più idiote mai prodotte in Italia in nome della finta moralizzazione”.
“È una legge – ha spiegato il governatore – a tutela della casta che vale per sindaci, funzionari, presidenti di Regione ma non per sottosegretari, ministri, parlamentari. Era la stagione dell’attacco alla casta, delle imbecillità che si vanno consumando nel ridicolo oggi. Per 15 o 20 anni ci siamo divertiti, ogni amministratore veniva descritto come ladro e farabutto. Questo è un Paese di idioti”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»