fbpx

Tg Politico Parlamentare, edizione del 27 maggio 2020

RECOVERY FUND, 82 MLD A FONDO PERDUTO PER L’ITALIA

Svolta storica in Europa. La presidente Ursula Von der Leyen ha annunciato il Recovery fund per la ripresa in Europa: il piano prevede 750 miliardi di euro per gli Stati membri colpiti dall’emergenza Coronavirus, 500 di questi a fondo perduto. All’Italia spetta la fetta più grande della torta: 82 miliardi di sovvenzioni e 91 di prestiti. Il nuovo Fondo per la ripresa verrà finanziato da obbligazioni della Commissione europea. Soddisfatto il premier Giuseppe Conte che parla di un “ottimo segnale da Bruxelles” e si appella alle capitali europee perché assecondino la proposta. I 4 paesi nordici, i cosiddetti frugali, continuano a essere in disaccordo tanto che l’Olanda ha annunciato una lunga trattativa e la possibilità di votare contro il piano.

SALVINI: SOLDI AI LAVORATORI O TENSIONI SOCIALI

Serve almeno “un miliardo in più” per aiutare i lavoratori in cassa integrazione, “altrimenti da giugno si rischia la tensione sociale”. Matteo Salvini evoca “un’estate calda” fatta di “tensioni” e proteste. Lo fa davanti al portone d’ingresso dell’Inps, dove ha incontrato per un’ora il presidente Pasquale Tridico. “Non e’ possibile che dopo quasi tre mesi ci siano ancora due milioni di italiani senza cassa integrazione”, attacca il segretario della Lega. Intorno a lui ci sono alcuni parlamentari del partito che hanno dato vita a un breve sit-in.

GIOVANI MEDICI CONTRO LEGA: AVETE DISTRUTTO LA SANITA’

Finisce in una contestazione a Lega e Forza Italia la manifestazione dei medici a Montecitorio. Davanti alla Camera dei deputati i giovani camici bianchi segnalano il rischio che a settembre, con il concorso nazionale per le specializzazioni, almeno 10mila medici restino senza borsa. Per questo chiedono che venga aumentata la dotazione del fondo sanitario. I partiti si dichiarano d’accordo e prendono l’impegno a prevedere maggiori somme fin dal passaggio in Parlamento del decreto rilancio. Quando in piazza prendono la parola Lega e Forza Italia, dai medici parte una contestazione che prende le mosse dal caso Lombardia. “Avete distrutto la sanita’ pubblica”, e’ il rimprovero al partito di Salvini, contestato anche per aver sminuito il ruolo dei medici di base, le prime vittime sul lavoro nella pandemia.

L’ALLARME DEI SINDACI: A RISCHIO I SERVIZI

“Senza una manovra di aggiustamento, urgente e indifferibile, salteranno i servizi essenziali di tutte le Città italiane” perché “le somme già stanziate non ci permetteranno di chiudere i bilanci a luglio”. E’ questo il grido d’allarme dei tredici Sindaci delle città metropolitane contenuto in una lettera al presidente del Consiglio Giuseppe Conte. Chiedono “di avviare un confronto, leale e serrato, sugli aspetti fondamentali della ripartenza, a partire dalle risorse certe e sufficienti per consentire ai Comuni di assicurare continuità nei servizi”. Domani a Palazzo Chigi l’incontro tra i sindaci e il premier.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Guarda anche:

27 Maggio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»