VIDEO | Scuola, Nardella va avanti: “A Firenze ci sarà saluto tra studenti”

"Giustamente lo chiedono 8 milioni di adolescenti, bambini e ragazzi. A Firenze troveremo il modo di farlo", dice il sindaco Nardella
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

FIRENZE – “Sono rimasto stupito da questo niet arrivato da varie parti” all’idea di organizzare un ultimo giorno di scuola, alla fine dell’anno, come proposto dalla viceministra dell’Istruzione, Anna Ascani. “Mi spiace che il governo non abbia sufficiente coraggio per fare un passo piccolo“, tuttavia “ho dato alla viceministra Ascani la mia disponibilità, perché a Firenze comunque troveremo il modo per consentire ai nostri ragazzi di salutarsi”, con insegnanti e famiglie, spiega, che potranno aderire volontariamente. Lo annuncia il sindaco Dario Nardella nel giorno dedicato alla presentazione del piano ‘Rinasce Firenze’.

LEGGI ANCHE: Scuola, Ascani: “Per elementari e medie riapertura in presenza al 100%, lavoriamo su ultimo giorno”

Dopo lo stop arrivato ieri, aggiunge, “continuo a non capire cosa abbiano di diverso gli studenti italiani rispetto a quelli degli altri Paesi europei”. E qui il primo cittadino si sofferma sul ruolo della politica e delle istituzioni, rispetto a quello affidato a tecnici e scienziati: “A ciascuno il suo”, dice. “Il comitato tecnico scientifico ha detto di no” all’idea, “neanche per un giorno o per un’ora, in modo simbolico. Però io vorrei che il Paese fosse governato da chi è stato eletto per governarlo, non dagli esperti dei comitati tecnici e scientifici, che hanno il compito di dare consulenze, non di prendere decisioni. Quelle le deve prendere la politica: da sindaco sono abituato a fare così. Invece sembra che nessun politico abbia il coraggio, la responsabilità la voglia di prendere delle decisioni se non c’è una garanzia al mille per mille di un consulente medico”.

In questa fase, conclude, “abbiamo pensato a tutti ma continuiamo ad ignorare quello che chiedono de che giustamente pretendono 8 milioni di adolescenti, bambini e ragazzi. Sarà forse perché non votano? Come diceva il grande Andreotti, a pensar male si indovina”.

LEGGI ANCHE: Il sindaco di Prato: “Riaprire le scuole per giugno”. Rossi: “Lasciarle chiuse fallimento governo”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

27 Maggio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»