La ministra Azzolina sotto scorta dopo le minacce social

La misura è stata disposta a seguito di minacce che le sono state rivolte in questo periodo anche sui social
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – Da tre giorni la ministra dell’Istruzione, Lucia Azzolina, viene scortata dalla Guardia di finanza. Un misura disposta a seguito di minacce che le sono state rivolte in questo periodo anche sui social. “Non pensavamo potesse accadere, ma sulla scuola si è creato un clima intollerabile e davvero gravissimo– scrivono in una nota gli esponenti del Movimento 5 Stelle in commissione Istruzione al Senato-. Dopo i ripetuti attacchi che certa politica ha in maniera pretestuosa riservato a Lucia Azzolina, alcuni facinorosi di sono spinti a insultare la ministra, con offese sessiste e messaggi di odio davvero sconcertanti. Ma come sempre odio chiama odio, e si è giunti addirittura alle vere e proprie minacce, tanto che è stato deciso di assegnarle la scorta. Tutto questo è inaccettabile”.

LEGGI ANCHE: Scuola, Ascani: “Per elementari e medie riapertura in presenza al 100%, lavoriamo su ultimo giorno”

“A Lucia Azzolina- concludono nella nota- va la nostra piena e incondizionata solidarietà. Andiamo avanti insieme a testa alta nel percorso di cambiamento e di sostegno alla scuola pubblica italiana ed alle sue forze migliori. Non saranno queste vili minacce a intimidirci né tantomeno a fermarci”.

LEGGI ANCHE: Scuola, altolà da Bologna: “Serve piano speciale per classi prime, didattica a distanza non va”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

27 Maggio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»