Salvini, trionfo alle Europee: “Leale al Governo. Ma su Tav e autonomia si va avanti”

La Lega supera il 34% in tutta Italia. E rassicura Di Maio: "Non mi interessano riequilibri interni"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “L’emozione e’ grande, la soddisfazione e’ grande, la responsabilità è grande. Tra stanotte e stamattina ho ricevuto messaggi e telefonate. Dai vertici del mondo dell’impresa, dell’industria, del commercio, dell’arte, della cultura e dello sport”. E mi dicono “adesso tocca a voi. Ci siamo”. Matteo Salvini gongola, dopo il risultato delle elezioni europee che ha incoronato la Lega primo partito in Italia. 

L’onda verde del Carroccio si attesta al 34,33%, secondo partito il Pd al 22,69.

“Nove milioni di italiani ci hanno dato il mandato per ridiscutere le politiche europee. Gli italiani mi hanno dato mandato per ridiscutere i parametri vecchi e superati”, dice Matteo Salvini in conferenza stampa a Milano, parlando dell’arrivo “di una lettera della Commissione europa sull’economia del nostro Paese”.

“Se la lettera della Ue” dirà come in passato “fate i compiti a casa, tagliate, tagliate, tagliate…”, diremo “no, noi dobbiamo assumere”.

“Ringrazio chi mi ha attaccato e criticato e il buon Dio per la salute e non per il risultato elettorale e i tanti uomini e donne di Chiesa che nel silenzio hanno accompagnato questo cammino e conto accompagneranno i prossimi anni”, prosegue Salvini.

Salvini in piazza a Milano: “Affido l’Italia al cuore immacolato di Maria”

SALVINI A DI MAIO: NERVI SALDI E TESTA ALTA, ANDIAMO AVANTI

“Con Di Maio siamo fermi ai messaggi di ieri notte”. Pero’ dico “nervi saldi, testa alta, per quel che mi riguarda entrambi e si va avanti. Questo ci chiedono gli italiani”.

“Ho sentito il premier e ribadisco che la lealta’ della Lega al governo e al contratto non e’ mai stata in discussione”, rassicura il ministro dell’Interno.

Ora serve una “rivoluzione fiscale, la manovra di autunno la vogliamo improntare al taglio delle tasse e non chiediamo un particolare sforzo al M5s perché è già nel contratto di governo”.

“Abbiamo il cronoprogramma e sull’autonomia il testo base è pronto. Il consenso della Lega al Centro e al Sud ci dice di andare avanti”. Stesso discorso per quanto riguarda “la Tav e le altri grandi opere. Gli italiani ci danno un mandato chiaro: andate e fate”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»