Elezioni Marche, Lega primo partito (37,98%) e crollo M5s (18,43%)

Lega boom, M5s crolla, Pd in leggero aumento
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ANCONA – A poco piu’ di un anno di distanza dalle elezioni politiche del 2018 il quadro politico marchigiano muta completamente. La Lega con 291.061 voti conquistati alle elezioni europee diventa il primo partito in regione con il 37,98% contro il 17,27% dell’anno scorso. Il Pd ottiene il 22,26% (170.596 voti) migliorando il 21,31% del 2018. Crollo verticale del Movimento 5 stelle che scende al 18,43% dopo aver conquistato il 35,55% alle politiche.

Si segnala anche il sorpasso di Fratelli d’Italia (5,83%) su Forza Italia (5,53%) mentre +Europa-Italia in Comune si ferma al 2,8%, Europa Verde al 2,25%, La Sinistra all’1,63%, il Partito Comunista all’1,08%, il Partito animalista allo 0,57%, il Popolo della Famiglia allo 0,52%, Casapound 0,48%, Popolari per l’Italia 0,28%, Partito Pirata 0,25%, Forza Nuova 0,13%.

La Lega e’ poi il primo partito in tutte le province: a Pesaro Urbino col 37,82% precede il Pd (24,49%) e M5s (18,76%), ad Ancona raggiunge il 34,13% superando dem (25,51%) e pentastellati (18,66%); a Macerata arriva al 40,99% ottenendo piu’ del doppio dei voti del Pd (18,9%) e del M5s (16,3%). Ad Ascoli Piceno e’ il M5s (20,6%) ad arrivare secondo alle spalle della Lega (38%) e precedendo il Pd (19,23%). Infine, Fermo: Lega (43,37%) davanti Pd (18,37%) e M5s (18,23%).

A livello comunale sono due i capoluoghi di provincia interessati dalle amministrative per eleggere il sindaco: Ascoli (con Lega al 36,4%, M5s al 19,9% e al Pd 18,7%) e Pesaro (qui Lega al 31,9%, Pd al 29,7% e M5s al 17,9%).
Alle europee ha votato il 65,48% degli aventi diritto marchigiani: un dato di poco inferiore al 65,6% del 2014.

Il dato cresce nei territori piu’ interessati dalle amministrative, come ad Ascoli Piceno e Pesaro Urbino dove si votava anche per eleggere il sindaco nei Comuni capoluogo e dove l’affluenza ha raggiunto rispettivamente il 68,1% e il 73,1%. Ad Ancona il 63,9%, Fermo il 60,2% e Macerata il 61,3%.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

27 Maggio 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»