A Roma tonfo del M5s, Pd primo partito

Il dato rappresenta un campanello d'allarme per l'amministrazione capitolina pentastellata, arrivata a quasi tre anni dal suo insediamento.
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA  – Con il 30,6%, è il Pd il primo partito a Roma alle Europee. I Dem guidati dal governatore del Lazio Nicola Zingaretti hanno preso 338.885 preferenze in tutto. La Lega del vicepremier Matteo Salvini si piazza al secondo posto con il 25,8 e 285.318 voti. Un ‘boom’ considerato che alle politiche di un anno fa aveva ottenuto l’11%. In terza posizione il Movimento Cinque stelle, arrivato al 17,6%, con appena 194.545 preferenze. Il dato rappresenta un campanello d’allarme per l’amministrazione capitolina pentastellata, arrivata a quasi tre anni dal suo insediamento. Rispetto alle elezioni di un anno fa, infatti, il consenso appare pressoché dimezzato e lo scettro di primo partito della Capitale passato di mano bruscamente.

Ottimo il risultato di Fratelli d’Italia, che sfiora i 100mila voti e arriva a quota 8,7%. Una percentuale che rappresenta anche il tanto agognato sorpasso nei confronti di Forza Italia, ormai terza forza politica del centrodestra capitolino con il 5,6% e appena 61.638 preferenze. Più Europa raggiunge poi il 4% (44.310), mentre la Sinistra registra il 2,9% (31.731), qualcosa in più rispetto a Europa Verde al 2,2 (24.614). Il Partito comunista con lo 0,9% (9.934) e il Partito Animalista con lo 0,5% (5.152) prendono più voti di Casapound, arrivato allo 0,4% (4.601). La formazione di estrema destra supera di poco il Popolo della Famiglia, sempre allo 0,4 con poco più di 4.000 preferenze. Chiudono Popolari per l’Italia allo 0,2% (2.521), Partito Pirata allo 0,2 (2.162) e Forza Nuova allo 0,1 (1.050).

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

27 Maggio 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»