Governo, Mattarella: “Nessuno può dire che ne abbia ostacolato nascita”

Il Presidente ha convocato per domani mattina Carlo Cottarelli
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Nessuno puo’ sostenere che io abbia ostacolato la formazione del governo che viene definito del cambiamento, al contrario ho accompagnato con attenzione questo tentativo nel rispetto delle regole della Costituzione”. Lo dice il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella dal Quirinale. Il presidente, intanto, ha convocato per domani mattina Carlo Cottarelli.

Parlando delle richieste di voto giunte nelle ultime ore si tratta di una “decisione che mi riservo di prendere, doverosamente sulla base di quanto accadra’ in Parlamento. Nelle prossime ore assumero’ un’iniziativa”. Lo dice il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella dal Quirinale.

CHIESTO PER ECONOMIA FIGURA NON PRO USCITA EURO

“La designazione del ministro dell’Economia costituisce sempre un messaggio immediato per gli operatori economici e finanziari, ho chiesto per quel ministero l’indicazione di un autorevole esponente politico della maggioranza, che al di la’ della stima e della considerazione della persona non sia visto come sostenitore di linee che potrebbe provocare la fuoriuscita dell’Italia dall’euro, cosa differente dal cambiare l’Ue in meglio dal punto di vista italiano”. Sergio Mattarella, Presidente della Repubblica, lo dice dal Quirinale.

Ti potrebbe interessare:

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»