Voucher, Cuperlo: “Reintrodurli è sgarbo al buon senso”

Cuperlo conclude con una citazione latina: "A quelli che vuole rovinare, Giove toglie prima la ragione"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA –  “Non è ragionevole evitare un referendum chiesto da oltre un milione di cittadini e introdurre due mesi dopo una norma sulla stessa materia senza discuterne per tempo con chi quel referendum aveva promosso”. Lo dice Gianni Cuperlo, della minoranza Pd.

“Non sono annebbiato dalla faziosità- spiega- Vedo i cambiamenti positivi, dai tetti orari e annuali all’innalzamento del contributo previdenziale. Ma vedo anche i limiti della decisione presa ed è evidente che affrontare il tema in un modo che divide, con un emendamento alla manovrina e senza aver condiviso nulla di tutto ciò coi lavoratori e chi li rappresenta è uno sgarbo al buon senso“.

Per questo sono contrario. Presentare quell’emendamento nella parte sulle imprese è stato un errore come un errore serio ha compiuto il governo nell’ispirarlo e nel sostenerlo”.

Cuperlo conclude con una citazione latina: ‘Quos vult Iupiter perdere, dementat prius'(A quelli che vuole rovinare, Giove toglie prima la ragione, ndr).

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»