Gulizia: gli infarti post ospedalieri? 50% dei pazienti dopo un mese non segue più la terapia

"I pazienti hanno delle ricadute perché dimezzano la terapia. Più del 50% dei pazienti dopo un solo mese
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

“I pazienti hanno delle ricadute perché dimezzano la terapia. Più del 50% dei pazienti dopo un solo mese assume la metà della terapia prescritta. I numeri sono presto detti: la mortalità del paziente a domicilio supera lo 0,13% entro 60 giorni, mentre sale a 0,51% a 360 giorni. Questo perché, al pari dell’influenza, il paziente crede che l’infarto sia una malattia curata in ospedale e che con un po’ di pillole ora sta meglio. La mancata aderenza del paziente alla terapia è un problema comune a molte malattie”. Così Michele Massimo Gulizia, presidente dell’Associazione nazionale medici cardiologi ospedalieri (Anmco) e direttore della struttura di Cardiologia dell’ospedale Garibaldi-Nesima di Catania, in occasione dell’incontro sulle terapie post infarto per prevenire ricadute che si è tenuto oggi a Roma all’Antico circolo di tiro al volo.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»