La Ocean Viking salva 236 migranti al largo della Libia, tra cui un neonato

Foto credit @Flavio Gasperini - Sos Mediterranee
L'ong ha soccorso due gommoni stracarichi di persone in acque internazionali a 32 miglia dalle coste libiche. Tra loro c'erano 114 minori non accompagnati e 7 donne
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – La Ocean Viking fa sapere in un tweet di aver salvato 236 persone da due gommoni in difficoltà a 32 miglia nautcihe da Zawiya, in Libia. Come chiariscono fonti interne all’ong Sos Mediterranee all’agenzia Dire, “abbiamo ricevuto un’allerta di soccorso da Alarm Phone intorno alle 6 del mattino, e alle 9 è stata avviata un’operazione di salvataggio di 2 gommoni stracarichi. Poco prima di mezzogiorno è stato completato il salvataggio di un totale di 236 sopravvissuti”.

Secondo l’ong, “molti sopravvissuti erano deboli, disidratati e soffrivano di mal di testa e vertigini. Ora si stanno riprendendo. Molte delle donne soffrono di ustioni da carburante e hanno inalato i gas di scarico, soffrendo in conseguenza di vertigini, nausea e mal di testa. Tra i sopravvissuti ci sono 114 minori non accompagnati, 7 donne e un neonato“. La maggior parte dei sopravvissuti, concludono i responsabili, “proviene da paesi dell’Africa occidentale. Il salvataggio è avvenuto in acque internazionali a 32 miglia nautiche al largo delle coste libiche”.

LEGGI ANCHE: Migranti, strage nel Mediterraneo. Ocean Viking: “Almeno 100 morti”

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»