Ucciso per un parcheggio a Torre Annunziata, sindaco vieta occupazioni suolo abusive

L’uomo, nel tentativo di difendere la figlia, che aveva parcheggiato l’auto in un posto 'occupato' con una sedia, venneaggredito per ritorsione da una banda di quattro persone.
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

NAPOLI – Tutte le occupazioni effettuate dai cittadini e non autorizzate dagli uffici comunali saranno rimosse. È quanto prevede un’ordinanza firmata dal sindaco di Torre Annunziata (Napoli) Vincenzo Ascione dopo i fatti del 19 aprile scorso, quando il 61enne Maurizio Cerrato fu ucciso a seguito di una lite per un parcheggio. L’uomo, nel tentativo di difendere la figlia, che aveva parcheggiato l’auto in un posto ‘occupato’ abusivamente con una sedia, venne ucciso per ritorsione da una banda di quattro persone.
Nell’ordinanza si ricorda che quell’omicidio ha provocato “un’enorme ondata di segno e indignazione” e che, dopo i fatti, la polizia locale ha effettuato una operazione di ricognizione del territorio per rimuovere dal suolo pubblico tutti gli “oggetti indebitamente posizionati”.
Con il provvedimento di oggi si diffida l’intera popolazione da “qualsiasi occupazione illegittima della sede stradale finalizzata al riservarsi un posto auto o moto senza averne alcun titolo o diritto”.

LEGGI ANCHE: Ucciso dopo una lite per un parcheggio a Torre Annunziata, 4 arresti

L’azione della polizia locale e delle forze dell’ordine “deve essere costante – si legge nell’ordinanza – e finalizzata a impedire anche in futuro qualsiasi forma di sopruso e occupazione illegittima di suolo pubblico. L’intento dell’amministrazione comunale è quello di perseguire e diffondere tra I cittadini la cultura della legalità e del rispetto reciproco, condannando qualsiasi forma di violenza e prevaricazione”.
Il Comune di Torre Annunziata annuncia anche che sono stati affidati i lavori di manutenzione straordinaria degli impianti videosorveglianza che verranno effettuati, a partire dai prossimi giorni.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»