Tra Recovery e fondo integrativo nessuna risorsa per la metro di Roma

Roma si aspettava una pioggia di miliardi dal fondo integrativo legato al recovery fund
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Zero euro. Nessuna risorsa per le metropolitane di Roma nel recovery fund, e più in generale per il tpl delle città. Stessa cifra nulla, e questa è la novità, nella bozza del fondo integrativo che sta circolando in queste ore in ambienti governativi, appena pubblicata sul sito della presidenza del Consiglio dei ministri.

LEGGI ANCHE: Draghi presenta il Recovery plan alla Camera: “Progetti ambiziosi, si decide il destino dell’Italia”

Per la città è una grande delusione. Roma si aspettava una pioggia di miliardi dal fondo integrativo legato al recovery fund, una riserva da 30 miliardi slegata dalla scadenza del 2026 dello stesso recovery, data che avrebbe reso impossibile investimenti come quelli per le metro, che per la loro realizzazione necessitano di tempi più lunghi. Si parlava, in particolare, di 12 miliardi, poi scesi a 9, ovvero la somma richiesta dal Campidoglio per finanziare la linea C fino alla Cassia, la Linea D ed diverse linee tranviarie.

LEGGI ANCHE: Recovery fund, a Roma bluff sulle metro: soldi su funivia e tram

Nella bozza in questione, però, non si trova nulla di tutto ciò. La cifra finale è confermata: 30,6 miliardi. Ma per Roma non c’è nulla. Ci sono oltre 4 miliardi per la transizione 4.0, 600 milioni per il rinnovo delle flotte degli autobus, per tutta Italia, e 800 milioni per le navi. E poi 1,4 miliardi per nuovi ospedali, un miliardo sulla tecnologia satellitare, 2 sulla sicurezza, il verde e il sociale e poi 1,47 sulle infrastruttura portuali e marittime. Infine una lunga serie di voci minori.
Ma nemmeno un euro per il sistema di trasporto su ferro della Capitale. Salvo accordi in extremis, prima che la bozza del fondo diventi il piano definitivo.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»