Puoti (Unicusano): “Sui congiunti quante carenze avvocato Conte…”

Il preside della FAcoltà di Giurisprudenza e Rettore vicario dell'Ateneo: "Bisogna individuare il grado di parentela e anche la sequenza delle visite"
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – Da chi sono i congiunti a quante volte si può andare a trovarli, “quante carenze avvocato Giuseppe Conte”. A tirare le orecchie al presidente del Consiglio dei ministri, all’indomani dell’annuncio sui contenuti del nuovo Dpcm, è Giovanni Puoti, ex rettore e preside della facoltà di Giurisprudenza dell’Università Niccolò Cusano, ora rettore vicario e componente del Cda dell’ateneo, intervistato dall’agenzia Dire. Il quale ha spiegato: “Non è stato individuato il grado di parentela. Abbiamo la famiglia ristretta dove ci sono ascendenze, discenze e coniuge, quindi nonni, genitori e figli. Poi ci sono i parenti che non fanno parte della famiglia ristretta, come zii, fratelli del padre e della madre, cugini, ecc… Quindi ci sono da notare due aspetti- ha continuato- Il primo è che non hanno identificato giuridicamente il grado di parentela: se voglio girare avrò sicuramente uno zio, un cugino o un parente di terzo, quarto o quinto grado sparso per la città. Altro punto, quello di consentire di vedere i parenti senza una indicazione anche della sequenza delle visite. Dopo 50 giorni di reclusione è chiaro che c’è un’esigenza di rivedersi, salutarsi, soprattutto in riferimento alla famiglia ristretta. Ma non è che si può andare ogni giorno a visitare i parenti. Sarebbe un controsenso“.

Su queste cose, “le indicazioni nel decreto sono carenti. E l’avvocato Giuseppe Conte è anche professore universitario di Diritto civile, proprio la materia che deve essere applicata in questa situazione...” ha concluso Puoti.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

27 Aprile 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»