Fase 2, l’appello di Berlusconi: “Stop persecuzione, riaprite le chiese”

L'ex cavaliere: "Governo ascolti la Cei"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Mi pare irragionevole e addirittura inutilmente persecutorio mantenere il divieto alle cerimonie religiose” quindi “mi auguro che il governo recepisca l’accorato richiamo della Conferenza episcopale” e permetta ai credenti di andare a messa. Lo chiede Silvio Berlusconi, presidente di Fi.

Ecco cosa dice l’ex premier: “Non ci siamo mai opposti alle piu’ severe misure di lockdown, per quanto consapevoli del gravissimo prezzo che esse hanno comportato per il sistema produttivo ma anche per la liberta’ stessa dei cittadini. Personalmente ho sempre pensato che la drammatica situazione sanitaria giustificasse provvedimenti eccezionali, ovviamente inammissibili in circostanze ordinarie e da revocare nel piu’ breve tempo possibile”.

“Ora pero’ che il governo ritiene che vi siano le condizioni per riaprire molte attivita’ lavorative, mi pare irragionevole e addirittura inutilmente persecutorio mantenere il divieto alle cerimonie religiose. Come la vita in fabbrica o in ufficio, cosi’ anche la preghiera e la partecipazione alla messa possono svolgersi nel rigoroso rispetto delle misure di distanziamento e delle altre cautele igieniche che i responsabili sanitari vorranno indicare. E’ un grave errore sottovalutare non soltanto l’importanza della liberta’ di culto, che e’ fondamentale in uno stato liberale, ma anche la rilevanza del senso religioso di tante persone, che trovano nella partecipazione alla messa e nell’accostarsi ai sacramenti il momento piu’ importante e piu’ denso di significato della propria vita”.

Per Berlusconi “la tutela di questo diritto deve stare a cuore a tutti, credenti e non credenti. Mi auguro che il governo recepisca l’accorato richiamo della Conferenza episcopale ed anche di tanti laici e adotti al piu’ presto le misure per consentire la ripresa delle attivita’ di culto in condizioni di rigorosa sicurezza”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»