VIDEO | A Roma al via le domande di contributo affitto, tutti i dettagli

Spiega tutto in una videointervista con l'agenzia Dire l'assessore alle Politiche abitative e Patrimonio di Roma Capitale, Valentina Vivarelli
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – Al via da oggi a Roma le domande per l’accesso al contributo straordinario all’affitto per il 2020, che coprirà fino al 40% del canone di locazione per tre mensilità e potrà essere richiesto con una procedura semplificata, senza necessità di credenziali Spid, direttamente sul sito del Campidoglio.

“Da oggi, lunedì 27 aprile e fino al 18 maggio, i cittadini romani potranno effettuare richiesta per ottenere il contributo straordinario alla locazione 2020. Si tratta di un contributo che prevede fondi messi a disposizione dalla Regione Lazio, di cui 12 milioni per Roma Capitale, che può essere richiesto online o attraverso modalità cartacea”, spiega in una videointervista con l’agenzia Dire l’assessore alle Politiche abitative e Patrimonio di Roma Capitale,  Valentina Vivarelli.

La modalità online, sottolinea l’assessore, “è la vera novità di quest’anno: mai, infatti, era stata utilizzata finora per far richiesta del contributo all’affitto, ed è la modalità che consigliamo perché, soprattutto in questo momento così particolare, fa evitare spostamenti da casa ai cittadini. È molto semplice, si effettua direttamente sul sito di Roma Capitale e non necessita di Spid: attraverso un computer, un tablet o uno smartphone, basta avere una connessione internet e se si ha la stampante si può stampare anche l’autocertificazione precompilata, firmarla e allegarla alla domanda”. Per i cittadini che invece non hanno una stampante, precisa Vivarelli, “l’autocertificazione è reperibile in una delle edicole che si sono rese disponibili, il cui elenco è consultabile sul sito di Roma Capitale. In tal caso verrà compilata a mano e poi allegata alla domanda online”.

La modalità cartacea, invece, “prevede il ritiro del modulo presso le edicole aderenti, dovrà essere compilata in ogni sua parte e poi portata presso uno dei Municipi. È molto importante ricordare a tutti i cittadini che vogliono effettuare questa richiesta di utilizzare modalità e modulistica messe a disposizione da Roma Capitale”.
Per quanto riguarda invece i requisiti di accesso, informa l’assessore, “questi sono stati deliberati dalla Regione Lazio, ma i cittadini li possono trovare online sul sito di Roma Capitale a partire da oggi. Tra i principali ci sono un reddito lordo familiare pari o inferiore a 28.000 euro per il 2019 e aver avuto una riduzione di oltre il 30% del reddito su tre mensilità di quest’anno rispetto a tre mensilità dell’anno scorso, dovuta a cause legate all’emergenza coronavirus”.

Per quanto riguarda i numeri del contributo, “non possiamo prevedere quante domande arriveranno, ma sappiamo purtroppo che sono molte le famiglie toccate dall’emergenza coronavirus sotto il profilo economico, quindi pensiamo ad almeno qualche decina di migliaia di richieste”. Da questo, puntualizza Vivarelli, “dipenderà anche l’identità del contributo che verrà dato a ciascun nucleo avente diritto. La Regione Lazio ha deliberato che totale dei fondi messi a disposizione per Roma Capitale, 12 milioni di euro, saranno suddivisi per il numero di richieste totali che perverranno. Da lì si otterrà una media, che non potrà comunque come singolo contributo superare il pagamento del 40% di tre canoni di locazione”.
Di seguito i link per presentare la domanda:

– Domanda online (https://www.comune.roma.it/servizi/GecoaOnline/sp/login-contributo-straordinario);

– Autocertificazione (https://www.comune.roma.it/web-resources/cms/documents/AUTOCERTIFICAZIONE_CONTRIBUTO_STRAORDINARIO_LOCAZIONE_ANNO_2020.pdf);

– Elenco delle edicole aderenti (https://www.comune.roma.it/web-resources/cms/documents/ElencoEdicole_ContributoAffitto_20200420AL.xlsx);

– Informazioni e requisiti (https://www.comune.roma.it/web/it/informazione-di-servizio.page?contentId=IDS575251).

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

27 Aprile 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»