VIDEO | Il Comune di Salve apre le spiagge ai bimbi con autismo e non solo

Castelbianco (Istituto di Ortofonologia): "Respirare all'aria aperta li aiuterà a dormire meglio"
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – Salve, comune in provincia di Lecce, va in aiuto dei bambini con i disturbi dello spettro autistico, dell’attenzione e con disabilità intellettive gravi, aprendo a loro le sue spiagge.

“Abbiamo ritenuto necessario e doveroso alleviare le sofferenze e i disagi di questi bambini, autorizzando la fruizione in via straordinaria della nostra costa. I bambini devono essere residenti nel comune di Salve e devono essere accompagnati da un genitore o da un parente previa richiesta telefonica”. A spiegare il contenuto della delibera è il sindaco Francesco Villanova, intervenuto a Unomattina.

Plaude all’iniziativa Federico Bianchi di Castelbianco, psicoterapeuta dell’età evolutiva e direttore dell’Istituto di Ortofonologia (IdO), che sempre a Unomattina aggiunge: “Permettere ai bambini di andare in spiaggia con il genitore è una cosa bellissima. Respirare all’aria aperta li aiuterà a dormire meglio. Sono bambini che hanno bisogno di maggiore aiuto- spiega lo psicoterapeuta- non solo perché stanno a casa e non possono fare altro, ma poiché hanno perso la terapia e l’andare a scuola, che per loro è un punto di riferimento fondamentale”. L’Istituto di Ortofonologia ha attivato, in collaborazione con la Società italiana di pediatria e nell’ambito di una task force del ministero dell’Istruzione, lo sportello di supporto online ‘IdO con Voi’.

“Ascoltiamo migliaia di genitori- conferma Castelbianco- che ci parlano appunto dei disturbi del sonno. I bambini smaniano, hanno un’energia fisica che non si esaurisce mai e spesso i papà e le mamme non sanno come gestire la situazione e organizzare la giornata. È vero che le famiglie che vivono tali problematiche si siano sentite sole”, in questa situazione di lockdown, “e che debbano essere aiutate a trovare le migliori modalità per affrontare meglio lo stare a casa”. L’IdO ha messo a loro disposizione un’equipe di oltre quaranta specialisti pronti a rispondere 7 giorni su 7 e gratuitamente a ogni singola domanda in modo mirato. “Siamo riusciti a creare anche numerosi video tutorial per fornire consigli pratici, che già stanno dando grandi risultati. Non si sopperisce alla terapia o alla scuola- conclude- ma sicuramente i bambini e le famiglie stanno meglio“.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

27 Aprile 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»