VIDEO | Tribunale di Napoli verso la ripresa delle attività con controlli al termolaser

"La ripartenza per la fase intermedia è in programma il 12 maggio" ha spiegato all'agenzia Dire la presidente del tribunale partenopeo Elisabetta Garzo
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print
NAPOLI – È partita questa mattina la sperimentazione del rilevamento della temperatura di coloro che accedono nelle sedi giudiziarie del palazzo di giustizia e della procura della Repubblica di Napoli. Disponibili sei termolaser, utilizzati da personale della croce rossa e della protezione civile, per effettuare la misurazione della temperatura nei sei varchi di ingresso. “Abbiamo la necessità di dare un segnale di ripresa. I cittadini devono sapere che la giustizia, che comunque non si è mai bloccata, riprenderà il suo corso, sia pure nel rispetto assoluto delle prescrizioni sanitarie”, ha spiegato all’agenzia Dire la presidente del tribunale partenopeo Elisabetta Garzo, tra le prime a sottoporsi stamattina alle nuove procedure di controllo insieme al presidente della Corte di Appello, al procuratore generale della Repubblica, l’avvocato Generale, il procuratore della Repubblica e i presidenti del tribunale di Sorveglianza e del Consiglio dell’ordine degli avvocati. “Occorre che i processi – ha proseguito Garzo – vengano celebrati di nuovo. Mi riferisco ai processi civili, per cui la procedura è più semplice, ma anche ai penali. Per il penale dobbiamo cercare comunque di dare segnali di ripresa. Prima di tutto si parte dai processi a carico di imputati detenuti”. La ripartenza “per quanto riguarda la fase intermedia è in programma il 12 maggio – ha confermato la presidente del tribunale -. Bisognerà capire se alla data del 30 giugno questa fase proseguirà e capire quale sarà il livello di diffusione del virus. Se, come tutti auspichiamo, la situazione sanitaria migliorerà, chiaramente anche l’attività potrà avere una maggiore espansione”.
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

27 Aprile 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»