Giornale radio sociale, edzione del 27 aprile 2020

Approfondimenti e notizie sul sociale www.giornaleradiosociale.it
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Ben trovati all’ascolto del giornale radio sociale. In studio Davide Colella

INTERNAZIONALE – La prima volta. L’epidemia cambia l’organizzazione delle cerimonie religiose. Vale anche per l’Islam, mentre dai Paesi arabi arrivano novità. Il servizio è di Fabio Piccolino. E’ un Ramadan particolare quello iniziato tra venerdì e sabato e che la comunità islamica celebrerà fino al prossimo 23 maggio: a causa del Coronavirus, l’accesso alle moschee è vietato in molti paesi e le preghiere pubbliche sono state abolite, così come saranno molto diversi i momenti di socialità che caratterizzano questo periodo. E proprio in questi giorni, la Tunisia ha riconosciuto per la prima volta un matrimonio tra due persone dello stesso sesso: un fatto inedito per il mondo arabo, che sta facendo molto discutere. Secondo L’associazione Shams – per la depenalizzazione dell’omosessualità in Tunisia – , “si tratta di un evento che “stabilisce il principio del libero arbitrio dell’individuo, dell’uguaglianza e della non discriminazione”.

SOCIETA’ – Un Fondo anche per noi. Il volontariato toscano rischia di fermarsi e interrompere la propria attività fino ad oggi fondamentale nella gestione della emergenza. Nel Decreto Liquidità viene infatti negata alle organizzazioni del volontariato l’estensione dell’accesso al Fondo Nazionale di Garanzia. “Così non possiamo andare avanti”, è l’allarme lanciato da Cesvot e Forum Toscano del Terzo Settore che fanno appello a un intervento della Regione. Tra le richieste, oltre il credito, anche le agevolazioni sulle spese di sanificazione.

SPORT – Meta solidale. I giganti della Syrako Rugby, squadra di Siracusa, hanno disegnato un grande sorriso sulle mascherine che indossano quando consegnano i pacchi spesa ai siracusani in difficoltà. Hanno risposto all’appello della Caritas diocesana che cercava volontari e, tra allenamenti e campionato fermi, smart working e cassa integrazione, hanno pensato di utilizzare il tempo libero per dare una mano a chi ha più bisogno.

ECONOMIA – Quale sicurezza. Disponibili i dati Inail su denunce di infortunio nel complesso, con esito mortale e di malattia professionale. In controtendenza rispetto all’andamento degli altri settori economici, il settore Ateco “Sanità e assistenza sociale” che ha registrato un forte incremento delle denunce di infortunio in occasione di lavoro: +33% su base trimestrale e +102% su base mensile (marzo 2020 su marzo 2019). I casi denunciati sono raddoppiati

DIRITTI – La fase due per chi non vede. Giuliano Frittelli, Presidente della Sezione di Roma dell’Unione Italiana Ciechi e Ipovedenti, mette in guardia: “Il contingentamento degli accessi ai mezzi di trasporto pubblico rischia di trasformarsi nella negazione del diritto alla mobilità per chi non può optare per l’automobile, e sarà necessario trovare delle soluzioni alternative e condivise”. Le associazioni avevano già protestato alla fine dello scorso anno a Roma per il caos del servizio taxi per le persone con disabilità. Ecco cosa disse Frittelli.

CULTURA – Open Year Home Made. Al via il programma radiofonico curato dai volontari in servizio civile presso il CSV Napoli. In collaborazione con Radio Shamal, il racconto di esperienze di volontariato, appelli e informazioni per sostenere l’operatività del volontariato dell’area metropolitana di Napoli.

Ed è tutto. Approfondimenti e notizie sul sociale su www.giornaleradiosociale.it

 

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

27 Aprile 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»