“Libertà di culto”: e Palazzo Chigi per la ‘fase 2’ studia un protocollo per le celebrazioni liturgiche

messa_chiesa_fedele
Così una nota ufficiale della Cei: "I Vescovi italiani non possono accettare di vedere compromesso l’esercizio della libertà di culto"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA –  La Presidenza del Consiglio prende atto della comunicazione della CEI e conferma quanto gia’ anticipato in conferenza stampa dal Presidente Conte: “Gia’ nei prossimi giorni si studiera’ un protocollo che consenta quanto prima la partecipazione dei fedeli alle celebrazioni liturgiche in condizioni di massima sicurezza”.

LEGGI ANCHE:  Inizia la fase 2, sì a incontri con parenti, no a party privati. I negozi riapriranno il 18 maggio

I Vescovi italiani, infatti, in una nota ufficiale, avevano detto: “Non si può accettare di vedere compromesso l’esercizio della libertà di culto. Dovrebbe essere chiaro a tutti che l’impegno al servizio verso i poveri, così significativo in questa emergenza, nasce da una fede che deve potersi nutrire alle sue sorgenti, in particolare la vita sacramentale”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»