“Libertà di culto”: e Palazzo Chigi per la ‘fase 2’ studia un protocollo per le celebrazioni liturgiche

Così una nota ufficiale della Cei: "I Vescovi italiani non possono accettare di vedere compromesso l’esercizio della libertà di culto"
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA –  La Presidenza del Consiglio prende atto della comunicazione della CEI e conferma quanto gia’ anticipato in conferenza stampa dal Presidente Conte: “Gia’ nei prossimi giorni si studiera’ un protocollo che consenta quanto prima la partecipazione dei fedeli alle celebrazioni liturgiche in condizioni di massima sicurezza”.

LEGGI ANCHE:  Inizia la fase 2, sì a incontri con parenti, no a party privati. I negozi riapriranno il 18 maggio

I Vescovi italiani, infatti, in una nota ufficiale, avevano detto: “Non si può accettare di vedere compromesso l’esercizio della libertà di culto. Dovrebbe essere chiaro a tutti che l’impegno al servizio verso i poveri, così significativo in questa emergenza, nasce da una fede che deve potersi nutrire alle sue sorgenti, in particolare la vita sacramentale”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

27 Aprile 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»