Regeni, Conte: “Non vediamo passi avanti, ma continueremo pressioni finchè non ci sarà verità oggettiva”

Il premier Conte a Pechino ha parlato del caso Regeni: "Il modo più efficace che abbiamo è continuare a fare pressione verso il governo egiziano e verso Al Sisi. Non mi fermerò fino ad una verità con riscontri oggetttvi"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print





ROMA – Il governo italiano non ha “strumenti per ottenere una verità giudiziaria, non abbiamo strumenti reali concreti per intervenire e sostituirci alla magistratura egiziana“, risponde il premier Giuseppe Conte in conferenza stampa a Pechino. A chi gli domanda se il governo valuta anche la rottura delle relazioni e il ritiro dell’ambasciatore, Conte risponde che “il modo più efficace per premere per un risultato è continuare a spendere la mia iniziativa, la pressione e l’influenza che il governo può esprimere nei confronti del governo e del presidente Al Sisi. Non posso che continuare su questa strada e non mi fermerò fino a che non avrò una verità plausibile e riscontri oggettivi”.

LEGGI ANCHE: Regeni, Fico: “Al Sisi mi ha mentito, l’Egitto copre gli assassini”

Conte, che si detto ‘turbato’ per la lettera appello dei genitori di Giulio Regeni, ha spiegato che nel faccia a faccia a Pechino con Al Sisi ha manifestato “l’insoddisfazione che a distanza di tempo non ci sia ancora un concreto passo avanti che faccia intravedere un accertamento dei fatti plausibile. Io- ha aggiunto il premier- ho prospettato che l’Italia non verrà mai meno a una verità giudiziaria che abbia riscontri oggettivi e inoppugnabili”.

LEGGI ANCHE: Regeni, la Procura di Roma iscrive cinque 007 egiziani nel registro indagati





Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»