Trieste e gli atleti africani fuori, Di Maio: “Esclusi per difenderli? Follia”

Il vicepremier contro il caso di Trieste, dove gli organizzatori del Trieste Running festival hanno deciso che gli atleti africani non potranno partecipare
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “È giusto combattere lo sfruttamento dei corridori africani, il professionismo è professionismo sempre e come tale deve essere retribuito, ma non è così che si fa, non è escludendoli da una gara che si combatte il problema. Anzi, così il problema si aggrava e la vicenda in sè per come sta emergendo rasenta la follia”. Lo dice Luigi Di Maio sul caso del Trieste Running Festival.

Prima di Di Maio, anche il sottosegretario alla presidenza del Consiglio Giancarlo Giorgetti si era espresso contro la scelta degli organizzatori del Trieste Running Festival, ricordando che però il problema degli “scafisti dello sport” esiste.

LEGGI ANCHE: A Trieste gli atleti africani devono stare fuori dalla maratona, scoppia la polemica: “Apartheid”

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»