Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Mamma mia! Gli Abba dopo 35 anni tornano insieme

La band svedese annuncia la reunion e due nuovi singoli
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Gli Abba tornano insieme. La storica band composta da Agnetha Faltskog, Bjorn Ulvaeus, Benny Andersson e Anni-Frid Lyngstad a 35 anni dall’ultima apparizione in pubblico tornano a far sognare i fan. L’annuncio ufficiale oggi sui social: ““Tutti e quattro abbiamo pensato che, dopo 35 anni, sarebbe stato divertente unire di nuovo le forze e registrare nuove cose”.

Il gruppo svedese ha annunciato anche l’arrivo di due nuove canzoni di cui una, “I Still Have Faith In You” sarà eseguita in uno ‘speciale’ televisivo prodotto da Nbc e Bbc che sarà trasmesso in dicembre.

300 milioni di dischi venduti in tutto il mondo,  gli Abba hanno dominato le classifiche europee di fine anni ’70 incidendo nel 1975 il celebre brano  “Mamma mia!” che insieme ad altri loro successi è diventano la colonna sonora del celebre omonimo musical. Teatro ma anche cinema: “Mamma mia” è diventato nel 2008 un film che ha incassato oltre 600 milioni di dollari in tutto il mondo. E non finisce qui, il 6 settembre 2018, a dieci anni di distanza dal primo film, arriverà nelle sale il seguito “Mamma mia! Ci risiamo”, interpretato da un cast stellare: oltre ai già rodati Meryl Streep, Pierce BrosnanColin Firth, nelle pellicola ci saranno anche Andy Garcia e Cher.

Ti potrebbe interessare:

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»