Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Da Procura Catania nuove accuse alle ong; candidati Pd si dividono su Berlusconi, 80 anni fa morì Gramsci

[video width="800" height="452" mp4="http://www.dire.it/wp-content/uploads/2017/04/tg-politico-5.mp4" poster="http://www.dire.it/wp-content/uploads/2017/02/tg_politico.jpg"][/video] Ecco titoli e tg politico realizzato dall'agenzia DIRE SUI MIGRANTI LA PROCURA DI CATANIA
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Ecco titoli e tg politico realizzato dall’agenzia DIRE

SUI MIGRANTI LA PROCURA DI CATANIA ACCUSA LE ONG

Alcune ong che operano nel Mediterraneo sono sospettate di essere finanziate dai trafficanti di migranti. A dirlo e’ il procuratore di Catania, Carmelo Zuccaro, titolare di uno dei fascicoli su presunte collusioni tra operatori umanitari e trafficanti libici. Il ministro della Giustizia Andrea Orlando lo richiama a parlare “attraverso le indagini. Non è giusto- dice- ricostruire la storia delle ong come la storia di collusi”. Soddisfatto, invece, Luigi Di Maio dei Cinque Stelle: “Io vado fino in fondo”, spiega. Mentre Regina Catambrone, fondatrice del Moas, la prima missione di salvataggio con navi nel Mediterraneo, spiega al Sir che si tratta di “polemiche sterili. La verita’ e’ che nessuno vuole aiutare queste persone”.

PAROLIN: VALORI IN POLITICA PER AVVICINARE I GIOVANI

La ricostruzione di una nuova classe politica “può partire soltanto da una rinnovata consapevolezza di quelli che sono i valori che devono essere alla base di ogni convivenza civile” spiega il segretario di Stato vaticano, cardinale Pietro Parolin in una intervista pubblicata dall’agenzia Sir. “La politica non è soltanto una gestione immediata della ‘cosa pubblica’. Alla base devono esserci valori condivisi”, altrimenti sarà “difficile compiere quest’opera di ricostruzione e anche di educazione, per esempio nei confronti dei giovani” e avvicinarli alla passione per la politica.

PRIMARIE PD VICINE, BERLUSCONI DIVIDE I CANDIDATI

A 48 ore dal voto alle primarie, il Pd discute della proposta di Andrea Orlando sulle alleanze. “No a Berlusconi, e nel caso serve un referendum tra gli iscritti”, dice il ministro della giustizia. Renzi ricorda ad Orlando di essere stato ministro in un governo con la fiducia di Berlusconi. “E ora sembri sceso da Marte”, dice l’ex premier al suo ex ministro. Emiliano attacca a muso duro: Renzi vuole mantenere il suo potere personale, dice. Il confronto a tre, davanti alle telecamere di Sky, ha raccolto 766mila spettatori medi. Poco meglio di 4 anni fa.

NON FECERO CURARE LA FIGLIA, GENITORI SOTTO ACCUSA

Non fecero curare la figlia malata di tumore. La Procura di Padova contro i genitori di Eleonora Bottaro, la giovane stroncata ad agosto dalla leucemia. I due sono indagati per omicidio colposo per aver osteggiato la chiemioterapia, in favore di cure alternative. Il caso segue di poche ore la notizia dell’arresto di Davide Vannoni, accusato di continuare all’estero il metodo Stamina. “Non cadete in queste trappole di ciarlatani che si agganciano alla disperazione delle persone per lucrare e fare business”, avverte il ministro della Salute, Beatrice Lorenzin.

80 ANNI DALLA MORTE DI GRAMSCI, UNA MOSTRA ALLA CAMERA

Una grande mostra alla Camera dedicata ad Antonio Gramsci in occasione degli 80 anni dalla morte. Alla presenza del capo dello Stato, Sergio Mattarella, è stata inaugurata dalla presidente, Laura Boldrini. La mostra propone per la prima volta i Quaderni del carcere insieme a una selezione di libri posseduti da Gramsci durante la detenzione. Si tratta degli originali dei 33 Quaderni e di 100 volumi, tra libri e riviste, esposti accanto alla loro versione digitale. Il periodo di apertura al pubblico sarà dal 28 aprile al 7 giugno nella Sala Aldo Moro.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»