Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Attenti alle false guide per Pokemon Go e Fifa, sono malware Android

Il nuovo virus scoperto sul Google Play Store
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

FalseGuide virusROMA – Un nuovo, l’ennesimo, malware Android pronto a infettare smartphone e tablet è stato recentemente scoperto sul Google Play Store. Un virus che si annida in app gratuite legate, in qualche maniera, a giochi molti famosi.

FalseGuide virus che prende possesso degli smartphone

Una mossa strategica, un aiuto per superare un “quadro” o risolvere un enigma particolarmente difficile. Chi non ha mai cercato in rete suggerimenti per proseguire e vincere nei game? Di guide e tutorial dedicati ai giochi più famosi la Rete e gli store digitali sono pieni. Milioni le persone, e non solo giovani e giovanissimi, che le cercano. Di tutto questo gli hacker sono consapevoli e sfruttano a proprio vantaggio l’ambizione dei giocatori. È proprio in queste FalseGuide, disponibili sul Google Play Store, che hanno nascosto l’ultimo temibile malware Android. Un virus che ha già infettato oltre un milione di dispositivi. Una volta scaricata l’app guida e concessi i permessi di interagire con il dispositivo non si può tornare indietro. Il malware prende possesso dello smartphone o il tablet infettato e installa pubblicità malevole e, nel peggiore dei casi, ruba i dati sensibili. Al momento non esiste modo di rimuovere l’app dal dispositivo.

FalseGuide virus, le contromosse di Google

Google, dopo le segnalazioni ricevute, ha provveduto a rimuovere le false app presenti sullo store. Il malware è stato individuato in ben 50 app diverse che promettono “aiutini” per i game più diversi. Non c’è modo per l’utente di distinguere un app buona da una malevole. Alcune società di sicurezza informatica parlano apertamente di hacker russi dietro i recenti attacchi al sistema Android. Pubblicati anche i nomi di noti sviluppatori e un consiglio. Se tra i creatori delle app figurano Anatoly Khmelenko, Sergei Vernik, e Nikolai Zalupkin, allora, è meglio non scaricare l’app.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»