Villa Sticchi a Santa Cesarea, colori d’oriente sul tacco d’Italia /FOTOGALLERY

In stile moresco, tipica espressione dell’eclettismo architettonico diffuso in Europa nel XIX secolo
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Villa Sticchi, nel comune pugliese di Santa Cesarea Terme, in provincia di Lecce, è un palazzo moresco di fine Ottocento denunciato dal salmastro, orientale, come un riflesso sbiadito, scrostato sotto le volte degli archi e sulle cupole.

Con queste parole Villa Sticchi viene descritta dalla salmodiante voce fuori campo di Carmelo Bene nell’incipit del suo film “Nostra Signora dei Turchi”, complessa opera cinematografica realizzata dall’attore, drammaturgo e scrittore pugliese nel 1968, nella quale l’evocazione della Battaglia di Otranto del 1480, che vide la decapitazione di ottocento cristiani da parte dell’esercito ottomano, è l’occasione per un difficile viaggio interiore da parte del protagonista.

Lo stile moresco, tipica espressione dell’eclettismo architettonico diffuso in Europa nel XIX secolo che connota la forma di alcune ville di questa zona termale del Salento (il “Tacco d’Italia”), fa dell’edificio un suggestivo e bellissimo esempio di sincretismo di generi esotici affacciato sulla confluenza fra lo Ionio e l’Adriatico, all’incrocio fra culture e tradizioni occidentali e orientali.

Fonte: http://www.italianways.com/it/

Photos via:

www.flickr.com/photos/28327968@N02/12651841865

www.flickr.com/photos/mieru79/484954815

www.flickr.com/photos/mieru79/2891352710

www.flickr.com/photos/myhiddenplace/2901827615

www.flickr.com/photos/thenitai/4898526075

www.flickr.com/photos/thenitai/4899115398

www.flickr.com/photos/vincenzodinuzzo/4884950607

www.giannicarluccio.it/wordpress/?p=6852

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»