Intercettazioni, Spataro: “La delega al Governo è troppo generica”

ROMA - "Abbiamo rilevato che ci vorrebbe una maggiore specificazione" nella
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

intercettazioni

ROMA – “Abbiamo rilevato che ci vorrebbe una maggiore specificazione” nella delega al governo sulle intercettazioni, contenuta all’articolo 30 della riforma del processo penale all’esame del Senato. Lo dice Armando Spataro, procuratore della Repubblica presso il tribunale di Torino, al termine dell’audizione in commissione Giustizia assieme ad altri colleghi magistrati come Giuseppe Pignatone, procuratore capo di Roma. La delega, aggiunge Spataro, “e’ troppo generica”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»