Migranti, Gentiloni: “Siamo ben lungi dall’invasione”

"Non esiste nessun fattore esterno che giustificherebbe la
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

paolo gentiloni

“Non esiste nessun fattore esterno che giustificherebbe la chiusura del Brennero: sebbene i flussi migratori attraverso il Mediterraneo verso l’Italia siano intensi – non sono diversi da quelli del 2014 e del 2015 – siamo ancora ben lungi da ‘un’invasione’. Confidiamo che Vienna non prendera’ decisioni unilaterali nei prossimi mesi. E che l’Austria continuera’ a collaborare strettamente con noi nella crisi dei profughi”. E’ di questa posizione il ministro degli Affari esteri Paolo Gentiloni, intervistato dal quotidiano austriaco Die Presse, sulla decisione del ministro dell’Interno austriaco Wolfgang Sobotka di ripristinare i controlli ai confini con il Brennero entro la fine di maggio.

“Qui non si tratta soltanto di un problema bilaterale- ha proseguito Gentiloni, cosi’ come si legge sul sito internet del Ministero degli Affari esteri e della cooperazione internazionale- L’Austria e l’Italia sono membri di una comunita’ e questa comunita’ si chiama Unione Europea. L’Ue ha delle regole che vanno rispettate: la chiusura di confini all’interno dello spazio Schengen non puo’ essere decisa da singoli Stati. Al riguardo- ha spiegato ancora il titolare della Farnesina- gli accordi Ue prevedono condizioni ben precise: la premessa e’ che si tratti di una situazione estrema che comprometta la sicurezza del Paese, oppure di una situazione di emergenza”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»