Coronavirus, lo steward che riporta a casa gli italiani: “Mai vista crisi simile”

"Forse solo l'11 settembre aveva provocato qualcosa di analogo. Ad aprile rischiamo zero ore di volo e salari minimi"
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – “Non ci eravamo mai confrontati con una emergenza di queste proporzioni. Forse solo gli attacchi dell’11 settembre avevano provocato qualcosa di analogo, quando molti italiani vollero tornare dagli Stati Uniti e la chiusura immediata dello spazio aereo americano rese le cose difficili. Adesso, in due settimane, abbiamo dovuto gestire migliaia di rimpatri da tutto il mondo con ripercussioni psicologiche ma anche economiche per il personale di terra e di volo. E a bordo le scene comiche non mancano”. A parlare con l’agenzia Dire è Daniele, assistente di volo di 42 anni, una lunga esperienza con diverse compagnie aeree.

I VOLI DEGLI ITALIANI CANCELLATI

Da marzo il suo lavoro è radicalmente cambiato: l’epidemia di coronavirus ha spinto tanti Stati a chiudere le frontiere con l’Italia, il primo Paese europeo a essere travolto dal Covid-19. Migliaia i connazionali rimasti bloccati all’estero, dopo che le compagnie hanno cancellato i voli. “Non solo le low-cost, ma anche colossi come Lufthansa o Air France hanno cancellato i voli degli italiani per prendere a bordo i propri connazionali” ricorda Daniele, secondo cui nell’emergenza si è innescato un meccanismo per cui “ogni singolo Paese si è attivato per riportare a casa i propri cittadini, spesso in collaborazione con i governi”. Così, le compagnie aeree italiane si sono mobilitate attivando voli speciali nei cinque continenti e anche quella di Daniele ha dovuto adeguarsi. Ma lavorare nell’emergenza non è semplice.

ANDATA/RITORNO

È da metà marzo che i voli vengono stabiliti giorno per giorno e questo, denuncia l’assistente di volo, crea pressione psicologica sui dipendenti: “Siamo tra le categorie più a rischio contagio e c’è chi vorrebbe restare a casa. Per ora, dato che i voli sono molto pochi, si parte su base volontaria, ma così guadagniamo meno perché parte del salario viene maturato con le ore di volo”. Il personale deve poi effettuare andata e ritorno. “Non si può, come da contratto, riposare una notte in albergo e prendere il volo successivo” dice Daniele: “Non ce ne sono. E così alcuni colleghi hanno volato anche per 30 ore di seguito“. A bordo, spesso, c’è nervosismo.

SCENE DA MASCHERINE

“Le mascherine sono diventate obbligatorie solo da una settimana, prima non tutti le indossavano e questo creava proteste” dice lo steward. “Ora siamo in grado anche noi di darle a chi ne ha bisogno ma c’è sempre qualcuno che scatena le lamentele dei più scrupolosi. Non vi dico quando distribuiamo i pasti: tutti devono togliere la mascherina, è inevitabile. Ma in voli di 8-13 ore non si può non distribuire da mangiare“. Sul tema mancano ancora disposizioni comuni, sottolinea Daniele, sebbene “non sia cosa da poco che 200 persone, contemporaneamente, tolgano la mascherina”.

A strappare un sorriso, scene a cui Daniele assiste ormai quotidianamente: “Ci sono persone che, non essendo abituate alle mascherine, le indossano in modi strambi e improbabili. Poi c’é chi tenta di chiacchierare col vicino a tutti i costi, sebbene il frastuono nell’abitacolo e la bocca coperta lo rendano molto complicato. Qualcun altro non resiste e tira giù il tessuto che avvolge naso e bocca, scatenando subito le vive proteste di altri”. Sorridere aiuta a gestire la tensione, che cresce quando il senso di responsabilità è tanto.

“RIPORTIAMO A CASA I CITTADINI BLOCCATI”

“Vorrei restare a casa come quei colleghi che, per paura o per motivi reali – penso a chi ha i genitori anziani in casa – preferisce non lavorare” dice Daniele. “Ma in alcuni di noi scatta il senso civico per il tipo di lavoro che svolgiamo”. Perché a decollare, in questi giorni, sono quei voli che riportano a casa i cittadini bloccati: “Non si tratta solo di turisti – evidenzia lo steward – ma anche di studenti, ricercatori o lavoratori che, vedendosi le lezioni o il lavoro sospeso per via dei ‘lockwdown’, non hanno più motivo di restare e anzi, trovano impossibile farlo, non avendo più risorse per mantenersi all’estero”.

CON ZERO ORE DI VOLO, STIPENDI DA FAME

L’emergenza-rientri sta terminando ma per gli operatori aerei non è necessariamente una buona notizia. “Ad aprile sappiamo già che le ore di volo potrebbero essere pari a zero” dice Daniele. “Ciò significa per molte famiglie avere in busta paga appena il necessario per pagare l’affitto o il mutuo”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

27 Marzo 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»