VIDEO | Coronavirus, De Luca: “Da Protezione civile 500mila mascherine del coniglietto Bunny”

"Utili per pulirsi gli occhiali. Negli ospedali no, per l'amor di Dio" dichiara in una diretta Facebook il governatore della Campania Vincenzo De Luca
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print
NAPOLI – “La Protezione civile ha detto di averci dato 700mila mascherine… Parla di 552 oggetti che ci vuole fantasia a definirli mascherine, a meno che non si pensi alle maschere per i nostri nipoti. Eccole, sono mascherine che vanno bene per fare la maschera del coniglietto Bunny”. Lo ha detto in diretta su Facebook il presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca, rispondendo ai dati forniti ieri dalla Protezione civile sulle forniture di Dpi per la Campania. Il governatore sottolinea che sono arrivate ieri “71mila mascherine e 2100 tute di protezione, cioè una dotazione che dura otto ore negli ospedali. Queste 500mila hanno delle fessure da cui fuoriescono le orecchie, e ho scoperto – ha aggiunto – che sono utili per pulirsi gli occhiali. Negli ospedali no, per l’amor di Dio”.

DE LUCA: “PICCO AD APRILE CON 3MILA CONTAGI”

“Avremo il picco alla fine della prima settimana di aprile. Lavoriamo per essere pronti quando avremo più di 3mila contagi e possiamo farcela, a condizione che ogni livello faccia la sua parte, al netto delle forniture che devono arrivare da Protezione civile e Consip”. Il presidente della Regione Campania assicura che i dati dei contagi in Campania sono in linea con l’algoritmo impiegato dall’ente per le previsioni sul nuovo coronavirus. “L’algoritmo – aggiunge – prevede che domenica avremo 171 contagi, con 223 domande di ricoveri in terapia intensiva e 493 ricoveri in ospedale”. LEGGI ANCHE: Coronavirus, De Luca a Conte: “Zero forniture, Sud al collasso: conteremo i morti”
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

27 Marzo 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»