In Usa record di contagi: “Ora lavoriamo con la Cina”

I casi accertati negli Stati Uniti sarebbero oltre 85.500, hanno superato il dato di Cina e Italia
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Record di contagi da coronavirus negli Stati Uniti: secondo le stime, diffuse stamane, i casi accertati negli Stati Uniti ammontano a oltre 85.500 e fanno diventare l’America il primo paese come numero di contagi. Il Cina il dato era di 81.782, in Italia di 80.589. 

LEGGI ANCHE: Coronavirus, gli Stati Uniti si preparano e chiedono aiuto all’Italia

Il presidente americano Donald Trump ha fatto sapere che Stati Uniti e Cina stanno “lavorando insieme” per contenere la pandemia del nuovo coronavirus: tra Trump e il presidente Xi Jinping c’è stato infatti un colloquio telefonico segnato dall’auspicio di una maggiore cooperazione tra i due Paesi.

Con un post pubblicato su Twitter, Trump ha detto di un confronto “molto approfondito” sull’epidemia che “sta devastando gran parte del mondo”. Secondo il ministero degli Esteri di Pechino, Xi ha sottolineato che la cooperazione tra i due Paesi è l’unica scelta corretta e che la Cina è pronta a sostenere gli Stati Uniti per il contenimento del coronavirus. Il colloquio si è tenuto dopo che, secondo le stime della Johns Hopkins University, gli Usa sono diventati il primo Paese al mondo per numero di contagi. 

LEGGI ANCHE: Coronavirus, sono pronti a partire i medici somali: “Vogliamo aiutare l’Italia”

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»