Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Processo Cucchi, il carabiniere: “Registro fotosegnalamento sbianchettato, era evidente”

La deposizione del tenente Carmelo Beringheli, comandante del nucleo operativo della compagnia Casilina, nel processo in corte d'assise che vede imputati cinque carabinieri, tre dei quali accusati di omicidio preterintenzionale
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Era evidente che il registro delle persone sottoposte a fotosegnalamento della Compagnia di Roma Casilina era stato sbianchettato e feci presente al capitano Tiziano Testarmata (gia’ comandante del nucleo investigativo, ndr) che il registro in originale, non solo la fotocopia, andasse acquisito e consegnato alla magistratura per essere sottoposto ad accertamenti”.

E’ un passaggio della deposizione del tenente Carmelo Beringheli, comandante del nucleo operativo della compagnia Casilina, nel processo in corte d’assise che vede imputati cinque carabinieri, tre dei quali accusati di omicidio preterintenzionale, in relazione al pestaggio subito da Stefano Cucchi e alla sua morte.

Beringheli ha detto di avere invitato Testarmata (indagato, insieme ad altri sette carabinieri, per falso ideologico e favoreggiamento nell’inchiesta sui falsi e i depistaggi, nell’ambito della quale era stato ascoltato anche Beringheli come persona finto salta sui fatti) a prendere l’originale del registro il 4 novembre 2015, quando si presento’ alla compagnia Casilina per acquisire alcuni atti.

“Secondo me- continua Bringheli- quello che la magistratura cercava stava proprio in quelle carte che davano conto del passaggio di Cucchi dalla Compagnia alla sala Spis nella giornata del 16 ottobre del 2009 (quando fu arrestato, ndr). Trovai strano e assurdo che non venisse portato via in originale quel registro”.

Prima di Beringheli e’ stato ascoltato Francesco Cavallo, indagato per falso e all’epoca dei fatti tenente colonnello e capo ufficio del comando del Gruppo Roma, ma si e’ avvalso della facolta’ di non rispondere.

LEGGI ANCHE: Morte di Stefano Cucchi, chiusa l’indagine: 8 carabinieri rischiano il processo

CORTE ASSISE ACQUISISCE PERIZIA DA PROCESSO APPELLO A MEDICI PERTINI

La Corte d’assise del Tribunale di Roma, che sta giudicando 5 carabinieri per la morte di Stefano Cucchi (3 dei quali per omicidio preterintenzionale), acquisira’ nel dibattimento in corso la perizia sulle cause della morte di Stefano Cucchi, disposta nell’ambito del terzo processo d’appello ai medici dell’ospedale Pertini. Il collegio ha accolto la richiesta avanzata dall’avvocato Giosue’ Bruno Naso, difensore di uno degli imputati.

La perizia in questione e’ stata redatta dai professori di Padova, Anna Aprile e Alois Saller, e individuava come causa del decesso di Stefano Cucchi una morte aritmica su base cardiaca su un soggetto bradicardico e con ipoglicemia grave per alimentazione scadente. Il presidente della Corte non ha escluso che i periti possano essere convocati per eventuali chiarimenti.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»