Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Reperti per 250mila euro e una lastra funebre del ‘400 usata come tavolino: denunciata una donna a Trevignano

L'indagine dei Carabinieri della Stazione di Trevignano Romano, con il supporto del Comando Carabinieri Tutela Patrimonio Culturale
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA  – Vasi, ciotole, anfore, oliere, ampolle e balsamari di origine etrusca e romana, perfettamente integri, risalenti al VII e III secolo a.C: sono alcuni tra i reperti trovati in casa di una donna, a Trevignano Romano. Tutti trafugati. Non solo.  Nella sua villa, la donna custodiva anche un capitello architettonico di età romana imperiale e una lastra funebre del XV secolo trasformata in tavolo posizionato nella veranda della villa.

Grazie al supporto specialistico della Soprintendenza di Roma, è emerso che la lastra era stata rubata dalla chiesa San Simeone Profeta di Roma, luogo sacro sconsacrato e distrutto nella prima metà del ‘900.

Ad intervenire sono stati i Carabinieri della Stazione di Trevignano Romano, con il supporto del Comando Carabinieri Tutela Patrimonio Culturale. La donna è stata denunciata  a piede libero  per ricettazione ed impossessamento illecito di opere storiche appartenenti allo Stato.

I reperti, il cui valore complessivo è stato quantificato in 250.000 euro, sono stati affidati al Museo storico di Trevignano Romano.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»