Usa, è morta Linda Brown: nel 1954 battè la segregazione razziale nelle scuole

Brown e' deceduta a Topeka, in Kansas, all'eta' di 75 anni
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Si e’ spento un simbolo della lotta alla segregazione razziale negli Stati Uniti. È morta infatti Linda Brown, la ragazza afroamericana il cui caso nel 1954 fu al centro della sentenza della Corte suprema Usa con cui si mise fine alla segregazione razziale nelle scuole americane.

Brown e’ deceduta domenica a Topeka, in Kansas, all’eta’ di 75 anni: la notizia e’ stata diffusa ieri sera dai media negli Stati Uniti

Linda Brown aveva nove anni quando suo padre, Oliver Brown, tento’ di iscriverla ai corsi estivi di una scuola elementare di Topeka, in Kansas, all’epoca frequentata da soli bianchi. Quando la scuola blocco’ la sua iscrizione, il padre denuncio’ l’autorita’ scolastica di Topeka. All’azione legale intentata dai Brown si aggiunsero altri quattro casi simili e la causa fu presentata alla Corte suprema, che si espresse nel maggio del 1954 con una sentenza che definiva come “intrinsecamente iniquo separare le strutture scolastiche”.

La sentenza porto’ alla desegregazione del sistema scolastico negli Stati Uniti

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»