Poletti agli studenti: “Il lavoro? Si conquista con la fiducia. Giocate a calcetto”

Questa mattina il ministro del Lavoro per un'ora e mezza ha incontrato gli studenti del Tanari per parlare di alternanza scuola-lavoro
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BOLOGNA – “Il rapporto di lavoro è prima di tutto un rapporto di fiducia. È per questo che lo si trova di più giocando a calcetto che mandando in giro dei curriculum“. Parola di Giuliano Poletti, il ministro del Lavoro che oggi ha incontrato gli studenti dell’istituto Manfredi Tanari di Bologna. In circa un’ora e mezza di colloquio, Poletti ha risposto ‘senza rete’ alle domande degli studenti sull’alternanza scuola-lavoro. Anche dando suggerimenti pratici ai ragazzi. Sulle possibilità di impiego a Bologna il ministro ha avuto parole incoraggianti. Quella bolognese è una “realtà con una grande presenza di imprese. Questo è un territorio dove non si fa solo un mestiere”, sottolinea. Poi, sfiorando il tema del turismo: “Bologna è cambiata molto. All’orizzonte ci sono cose interessanti, penso a Fico. Ha attrattori che possono diventare meccanismi importanti”. In Emilia-Romagna “abbiamo gente che viene da tutto il mondo per vedere la Ducati, la Lamborghini, la Maserati e la Ferrari“. Poletti ha spiegato di prediligere gli incontri di questo tipo per farsi un’idea più completa dell’efficicacia delle misure prese a Roma (“Se ci stai troppo a lungo finisce che pensi di essere un fenomeno”) e si è soffermato anche sulle difficoltà affrontate dagli studenti durante le loro esperienze lavorative in orario scolastico. Ad esempio a chi ha vissuto in maniera non felicissima gli stage perché finito a fare operazioni manuali ripetitive il ministro fa notare che “se vai in un bar ti fanno fare un caffè”. Ma soprattutto, le esperienze compiute fuori dalle mura della scuola non sempre danno risultati palesi e immediate. “Intanto vedi un mondo“, fa notare il ministro.

Poi, sul Jobs act, rivendica: “Le regole non hanno mai creato posti di lavoro. Possono rendere l’ambiente più semplice e interessante. Mi dicono che mi occupo troppo delle aziende, ma è perché ho studiato che i posti di lavoro li creano le imprese“. Ebbene, “le regole che abbiamo fatto sul mondo del lavoro hanno questa logica”. E poi, tornando sull’alternanza scuola-lavoro: “Bisogna voler bene alle imprese. Io voglio molto bene alle imprese italiane che rispettano la legge”, sottolinea. Quindi, se qualcosa non funziona nello stage, “avete un primo interlocutore nella vostra scuola. Poi ci sono i nostri strumenti, a cominciare dagli ispettori del lavoro”. Quando uno studente lo interpella su possibili stage estivi anzichè durante l’anno scolastico, Poletti ricorda di aver preso la “mia dose di schiaffi per aver detto che d’estate si poteva anche lavorare. Mi hanno detto che volevo cancellare le vacanze, invece bisognerebbe ascoltare quello che uno dice. È un atto di libertà e responsabilità che è giusto costruire”. Poletti ha rivelato anche l’ambizione di unire l’esperienza lavorativa degli artigiani e le competenze informatiche dei più giovani, in un ideale passaggio del testimone generazionale. In Emilia-Romagna ci sono “tante piccole e piccolissime imprese gestite da persona di età medio alta che non hanno futuro perchè magari non hanno un figlio che voglia proseguire“. E allora si può pensare di incoraggiare stage in queste realtà, “perchè può accadere che un artigiano di digitalizzazione non sappia un fico”.

di Mirko Billi, giornalista professionista

LEGGI ANCHE:

Tempesta su Poletti, la minoranza dem all’attacco

Poletti si scusa: “Sto male, so di aver sbagliato”. I giovani replicano

Bufera social sul figlio di Poletti: “Parassita, emigra anche tu”

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»