Approvata la riforma Rai, cambia la governance della Tv pubblica italiana

Durante lo stesso Cdm il premier Matteo Renzi ha annunciato di aver approvato la riorganizzazione del ministero della Giustizia.
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Il cavallo alato della RAI nella sede di Saxa RubraIl Consiglio dei ministri ha approvato la riforma della Rai che prevede un nuovo assetto della governance.

Il nuovo consiglio di amministrazione sarà composto da sette membri di cui quattro espressi dal Parlamento, uno dal ministero dell’Economia e uno che rappresenta i dipendenti.

Durante lo stesso Cdm  il premier Matteo Renzi ha annunciato di aver “approvato un atto fondamentale, la riorganizzazione del ministero della Giustizia. E’ un tema assolutamente cruciale per il Paese, è il vero modo con il quale si interviene su una delle carenze storiche che ha il Paese, il numero dei procedimenti pendenti. Oa la riorganizzazione diventa una realtà, passa dal libro dei sogni alla realtà. E’ il vero punto che cambia la vita degli italiani”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»